Tutti gli articoli con il tag pubblicità

Oxado, la società francese nata nel giugno 2005 che offriva un servizio di pubblicità contestuale molto simile a quella offerta da Google AdSense e’ improvvisamente scomparsa dal web. Il suo sito non e’ piu’ raggiugibile, cosi’ come non sono raggiugibili gli account delle centinaia di publisher che in questi anni hanno inserito i banner venduti dalla societa’ nei loro siti e che non hanno piu’ alcuna possibilita’ di vedersi retribuiti i loro proventi. Leggi tutto

Bidvertiser accetta quasi tutti i siti e offre una notevole personalizzazione degli annunci per ottimizzare l’integrazione con le pagine web.
La procedura di iscrizione e’ immediata: una volta effettuata la registrazione è sufficiente selezionare il formato degli annunci e prelevare il codice da inserire nel sito che sara’ in tema con i contenuti pubblicati. Leggi tutto

C’è qualcosa di nuovo che bolle nel pentolone della grande G ed è legato ad una sostanziale trasformazione dell’attuale business pubblicitario di Google legato ad una moltitudine di siti partner e ad un numero impressionante di inserzionisti di tutto il Mondo. Caratteristiche che ne fanno un elemento centrale dell’economia in rete.
La novità che presto sarà attivata si chiama “site targeting” e ha a che fare con la speranza di Google di moltiplicare le proprie entrate pubblicitarie puntando su alcuni fattori essenziali che rivoluzionano la collaudata piattaforma di marketing AdWords: nuovi formati dei banner pubblicitari, possibilità per gli inserzionisti di scegliere i siti sui quali farli apparire come alternativa o in aggiunta alla pubblicazione delle proprie inserzioni su tutte le pagine del network degli affiliati a cui facciano riferimento alcune parole chiave. Leggi tutto

Nuove forme di pagamento sono disponibili per gli affiliati ad AdSense di Google oltre al classico invio di assegni in dollari Usa.

Assegni in valuta locale: Google converte le vostre entrate da dollari USA in valuta locale. Questi assegni comportano solitamente costi inferiori di accredito sul conto corrente e una minore quantità di tempo per le operazioni di compensazione. Leggi tutto