Il viaggio che purifica

di Stefano Marcora –
Scorro verso il basso. L’immensa Panamericana si dispiega ancora, centellinando le sue più meridionali estremità e offrendomi visioni senza fine costituite da praterie, boschi di eucalipti intercalati da composti frutteti. Ho compiuto duecento chilometri e il paesaggio sta mutando: niente più agrumi, i quali cedono il passo al frumento e all’allevamento estensivo del bestiame. È sufficiente volgere il capo a sinistra per osservare lo scivolio costante di montagne sempre più innevate: ammiro a lungo il loro colore pieno, totale, cangiante, che le fa apparire ancora più imponenti. Avvolto nella coperta azzurro-verde della Tur-Bus, questa mattina ho varcato la linea invisibile che mi ha condotto nella Región IX. L’Araucanía è qua attorno a me, dentro di me. “Eccomi”, mi sono detto con la fierezza potente di colui che è in movimento. Lontano dallo scopo, fuori dalla meta, alla ricerca di un qualcosa inafferrabile in continua evoluzione: la strada,
l’alterità, l’io.
Dopo un cambio nella assopita e squadrata Temuco, il bus Jac mi traghetta verso Pucón. Il momento si avvicina. Lo so, tra poco arriva… sì, adesso lo posso vedere.
Nonostante la preparazione, l’immaginazione viene ancora scavalcata in avanti dalla Natura: conico, perfetto, bianco dalle pendici fino al suo vigoroso culmine; una parte non meglio definibile della cima sbuffa pigre ondate di vapore tra le nuvole zuccherose che veleggiano alte. Assaporo l’impossibilità di descrivere meglio il vulcano Pucón e l’assenza di intelligibilità che esso offre: una imperscrutabilità a cui mi adatto serenamente. Credo di non aver gustato mai nulla di meglio.

Fuori dal Terminal degli autobus di Pucón visito un paio di hostales economici, optando per quello che mi ispira maggiormente. È gestito da una coppia notevole: lui biondo, appassionato, con cognome tedesco, lei è una peruviana dai modi cortesi e fini. Esco quasi subito nel cielo punteggiato di bianco, nell’aria fresca leggermente aromatica della Araucanía. La cittadina è ordinata, con ville, case per turisti e il centro declinante verso il lago. Seduto sulla sabbia scura, in pace, stupefatto, ammiro il vulcano che si specchia nelle tranquille acque lacustri le quali sfidano vincenti la leggera brezza che circola impertinente. Tutt’intorno vigilano boscose montagne tinteggiate di un bianco lieve.

Il giorno dopo prendo un micro bus che mi conduce verso l’interno montagnoso. Il cielo porta nuvole umide dall’Oceano ma non concede loro la pioggia. Mi fermo all’imbocco di un sentiero. Ai lati ci sono statuarie catene montuose che preservano l’ampia valle ondulata, rigogliosa di boschi e prati. Chiazze di neve resistono nelle zone in ombra. Cammino piano osservando e annusando quello che mi circonda. Ora incontro pecore che strappano filamenti di erba giallastra, poi sparute case dai comignoli fumanti. Voltando il capo ritrovo la massa del vulcano Pucón: sembra che l’ancestrale silenzio soffiato nella valle sia impresso dalla sua presenza.



Ancora qualche chilometro per sentieri e strade sterrate e raggiungo l’area delle pozze di acqua calda, los Pozones, semplici piscine all’aria aperta che racchiudono l’acqua proveniente dal sottosuolo.

Vago tra le pozze d’acqua termale nudo, solo, attraversando climi proibitivi ed incarnando alla perfezione le metafore del viaggio ma anche quelle della natura umana. Fuori c’è la neve morente, dentro, nell’acqua, la temperatura supera i quaranta gradi; due condizioni insostenibili che però riescono a compenetrarsi, due stati dove il corpo e la mente vengono messi alla prova.
Dopo qualche immersione scelgo di rimanere fuori il più possibile, camminando lentamente tra le piscine vuote. Le braccia avvolgono spasmodicamente il petto tempestato dai brividi ma continuo questa strana e spontanea sfida con l’ambiente. Spogliato dai vestiti e dalle cose, con il luccichio dell’acqua negli occhi e la rifrazione della neve sul corpo, sotto il cielo e i monti dell’America australe, trovo parte dell’essenzialità perduta.

L’accogliente acqua manda odori sulfurei, di terra e minerali. Rivoli caldi confluiscono in un torrente di montagna ricco di pietre levigate. Tolgo le ciabatte dai piedi con difficoltà. Come in un battesimo risolutivo immetto la mia nudità tremante e randagia nel liquido vaporoso, ponendo termine alle sofferenze provocate dal freddo, per accoglierne altre.

Nel blog di Stefano potete leggere altri racconti legati alla mente del viaggiatore e al viaggio. http://travel-ontheroad.blogspot.com

Il Viaggio Fai da Te – Noleggio auto Low Cost in Cile

 

 
Commenti

Nessun commento