In giro per l’Europa centrale

di Davide Vismara –
Vorrei raccontare la mia vacanza in giro per l’Europa Centrale in macchina con la mia amica Chiara. 1° giorno – 13 agosto 2007 – Milano -> Bled (Slovenia) Partiti da Milano verso le 14.00. Dopo un tranquillo viaggio in autostrada siamo arrivati alla frontiera con l’Austria. Dopo il controllo documenti e Carta Verde siamo entrati nel Karavankentunnel. Una lunga galleria a pagamento. Bisogna ricordarsi di acquistare la “vignette” per le autostrade austriache, valida 10 giorni. Una volta passato il confine sloveno ci avviciniamo abbastanza velocemente alla nostra prima meta, Bled e il suo lago incantato. Una volta arrivati, verso le 18.00 andiamo alla ricerca della pensione Berc (www.berc-sp.si), prenotata attraverso il sito internet di Bled (www.bled.si) e la troviamo abbastanza facilmente. Ci accoglie Miha, simpatico ragazzo sloveno che ci racconta le bellezze di Bled. La sera prima una passeggiata sul lungo lago e poi cena in un ristorantino molto carino sempre in riva al lago. Dopo altri 4 passi dopo cena… nanna!

2° giorno – 14 agosto 2007 – Bled (Slovenia) Dopo un’abbondante colazione inizia il nostro giro per Bled. Prendiamo la macchina e dopo qualche chilometro arriviamo al castello che sovrasta il lago. All’interno del castello si trova il museo che racconta la storia di Bled e anche un ristorante molto caratteristico che purtroppo non abbiamo provato. Dopo tutta la mattinata passata su e giù per il castello a fare foto del bellissimo panorama ritorniamo a Bled. Tornati in città la prossima tappa è la gita in “pletna” sull’isoletta del lago. La “pletna” è una tipica barca il legno che porta una ventina di persone ed è “guidata” da una specie di gondoliere del luogo. Da ricordare che l’uso di barche a motore è vietato. L’isoletta si gira tranquillamente in un’oretta, che è il tempo che il gondoliere ci da per tornare indietro. Una volta tornati a Bled e dopo una buona pizza, ci dirigiamo ancora in macchina verso le gole del Vintgar, a circa 5 chilometri. Attraverso ponti in legno, stradine strette, si cammina per un paio di chilometri in riva a un fiume alpino molto caratteristico, tra cascate e rapide. La gitarella si protrae fino a pomeriggio inoltrato. Dopo essere tornati in pensione e dopo una doccia rigenerante, si ritorna in paese per la cena. Prima di cenare, però prendiamo il trenino che fa tutto il perimetro del lago (si può fare anche a piedi), molto carino! Per cenare si può scegliere tra i vari ristoranti in riva al lago e per il dopo cena vari locali all’aperto e un casinò. Ma siccome il giorno dopo si riparte, il “coprifuoco” è circa a mezzanotte.

3° giorno – 15 agosto 2007 – Bled (Slovenia) – Budapest (Ungheria) Partenza verso le 10.00. Il percorso attraverso l’Austria ci porta abbastanza tranquillamente in Ungheria. Anche per le autostrade ungheresi bisogna munirsi di “vignette” acquistabili negli Autogrill nelle vicinanze delle frontiere. Una volta arrivati nei pressi di Budapest verso le 16.00, ci accoglie il traffico tipico di Milano. Quindi siamo stati un po’ rallentati nella ricerca del nostro Hotel Veritas (www.hotelveritas.hu) prenotato su www.venere.com. L’hotel si trova vicino allo stadio a poca distanza dalla fermata della metro che ti porta ovunque. Dopo esserci sistemati, decidiamo di fare una passeggiata e camminando (una buona oretta.) arriviamo alla Piazza degli Eroi. Andiamo a cenare in un delizioso ristorantino nei pressi della piazza, il Paprika, che consiglio vivamente. Dopo cena i soliti quattro passi verso l’hotel.

4° giorno – 16 agosto 2007 – Budapest (Ungheria) Dopo aver fatto la Budapest Card, che consente di viaggiare gratis su tutti i mezzi e da numerosi vantaggi per musei e altre attrazioni, prendiamo la metropolitana che ci porta in centro. Ci sono centinaia di cose da vedere, e una buona guida è d’aiuto. Noi siamo stati al castello che abbiamo raggiunto con la funicolare. Abbiamo visitato il labirinto sotto il castello, molto caratteristico, e tutta la zona dei palazzi e delle fontane. Una volta scesi dalla collina del castello, ci avviciniamo verso le celeberrime terme Gellèrt. Un po’ di relax è meritato e il caldo è abbastanza torrido! Rimaniamo alle terme, tra piscine, saune ecc. fino a quando non ci cacciano. verso le 19.30 e sempre coi tram e gli autobus sempre molto puntuali, si ritorna verso l’hotel. Doccia veloce e poi cena sempre al Paprika, visto che si trova molto vicino. Bisogna dire che anche se si trovano molti clochard accampati ai limiti delle strade tutto mi è sembrato tranquillo e poco pericoloso anche girando a piedi la sera.

5° giorno – 17 agosto 2007 – Budapest (Ungheria) Alla mattina decidiamo di visitare il Parlamento. Bisogna però prenotare la visita guidata e quindi ci è toccata una lunga lunga coda che ci ha preso la mattina! Una volta fatta la prenotazione nel gruppo degli italiani e in attesa della visita, prevista per le 14.00, abbiamo visitato la zona attorno al Parlamento sulla riva del Danubio, attraversato il ponte, e mangiato da McDonalds!!! Dopo la visita, molto interessante, al Parlamento, ci siamo recati nella zona del Vigado per la gita sul Danubio. Ci siamo fatti cullare dal fiume per un’oretta! Una volta tornati a riva, la prossima tappa era lo shopping nella via più turistica di Budapest, la Vaci Utca. È possibile trovare tutti i souvenirs possibili e immaginabili ed io ho preso il famoso Unicum e un libro di cucina ungherese. Nella stessa via si trovano anche tantissimi ristoranti a prezzi abbordabilissimi. Dopo cena, solita passeggiata e ritorno in hotel.



6° giorno – 18 agosto 2007 – Budapest (Ungheria) – Oswiecim – Cracovia (Polonia) Si riparte per la prossima tappa, Oswiecim in Polonia, che poi è il nome polacco di Auschwitz. Il viaggio è praticamente sempre su strade statali, tutte molto tranquille e poco trafficate. Si attraversa completamete la Slovacchia e si arriva senza difficoltà in Polonia. Devo dire che avevamo una brutta idea della Polonia e invece mi sono dovuto rimangiare tutto. È davvero un bel paese, molto verde e molto ospitale. Siamo arrivati all’hotel Galicja (www.hotelgalicja.com.pl) prenotato con www.booking.com. Hotel stupendo con all’interno un ristorante con cucina polacca e uno di cucina italiana. Il pomeriggio stesso ci rechiamo a Cracovia, ci vuole meno di un’ora. Cracovia è stupenda! Dopo avere comprato una cartina, viisitiamo la Piazza del Mercato, il Castello tutto il centro storico, fino a dopo mezzanotte.

7° giorno – 19 agosto 2007 – Auschwitz (Polonia) Siamo arrivati alla giornata più emozionante della vacanza. La visita ai campi di concentramento de Auschwitz e Birkenau. Si trovano a pochi chilometri dall’hotel e l’ingresso è gratuito. C’è poco da dire su quello che abbiamo visto. Penso sia un’esperienza che tutti dovrebbero vivere e fare vivere ai propri figli. La visita non è guidata e seguendo un percorso prestabilito dura circa 3 ore. Il pomeriggio ci rechiamo al campo di Birkenau, circa 3 km da Auschwitz, e anche qui la visita dura circa 3 ore. Nel tardo pomeriggio visitiamo la cittadina di Oswiecim, anch’essa con la sua piazza del mercato e molto giovane e colorata. La sera cena nell’ottimo ristorante polacco dell’hotel.

8° giorno – 20 agosto 2007 – Oswiecim (Polonia) – Vienna (Austria) Si riparte per l’Austria! Il viaggio ci porta sempre su strade statali attraverso Repubblica Ceca, Slovacchia e infine Austria. Arriviamo a Vienna verso le 17.00 in quanto abbiamo trovato, verso la fine della tappa, un temporale di dimensioni bibliche che chi ha rallentato molto! Comunque abbiamo trovato facilmente il nostro Hotel Lucia (www.lucia-hotel.at) prenotato sempre attraverso www.venere.com molto vicino alla metropolitana e quindi comodo per gli spostamenti. Subito siamo usciti e devo dire che Vienna è davvero stupenda. Ovunque vai, alzi la testa e vedi stupendi palazzi e monumenti. In metro siamo giunti nella zona del Parlamento e iniziato a passeggiare per la Ringstrasse. Dopo cena, ritorno in hotel.

9° giorno – 21 agosto 2007 – Vienna (Austria) Come per Budapest, anche a Vienna abbiamo preso la carta che consente di viaggiare su tutti i mezzi più avere sconti su numerose attrazioni. E anche a Vienna una buona guida è molto utile per farsi un percorso da seguire. Noi siamo stati al Palazzo Imperiale dell’Hofburg, al Castello di Schönbrunn e la sera in giro per il centro con cena in un ristorante all’aperto.

10° giorno – 22 agosto 2007 – Vienna (Austria) È il mio compleanno!!! L’itinerario odierno comprende un giro sul Prater, la visita alla Torre sul Danubio e la zona dei Musei. Come detto le cose da vedere sono davvero tante e abbiamo dovuto fare delle scelte! La sera cena in un ristorante italiano “L’asino che ride” e passeggiata all’Albertina e all’Hotel Sacher, casa della famosa torta.

11° giorno – 23 agosto 2007 – Vienna (Austria) – Laives (Alto Adige) Si ritorna in Italia!!! Facciamo tappa all’Agriturismo Putzenhof (www.putzenhof.it) trovato con www.agriturismo.it. Molto carino, immerso nel verde dei frutteti e direi l’ideale per rilassarsi da dieci giorni di camminate e viaggi.

12° giorno – 24 agosto 2007 – Laives (Alto Adige) – Milano Purtroppo la vacanza è finita!!! Dopo la mattinata passata a rilassarci tra i vigneti e in giro a fare shopping di prodotti tipici, si parte e si arriva a Milano a metà pomeriggio

Ecco. purtroppo la vacanza è finita. Non vedo l’ora che arrivi l’anno prossimo per un’altra avventura interessante ed emozionante come questa!
Spero che questo mio racconto possa essere utile a qualcuno e nel caso qualcuno voglia chiedere qualcosa, scrivetemi pure su numero10@email.it.

Il Viaggio Fai da Te – Hotel consigliati in Slovenia

 

 
Commenti

Nessun commento