India meravigliosa!

di Mirella – Siamo un gruppo di famiglie con figli ormai grandi, (14-18-24-30 anni, che ci continuano a seguire) che da quasi dieci anni viaggiano insieme, abbiamo cominciato in 8 persone e via via siamo cresciuti fino ad arrivare quest’anno a 34, amici di amici si sono aggiunti ogni anno, anche perche’ i viaggi da noi organizzati sono molto attenti al… portafoglio, senza pero’ mai scadere di livello. La ricerca e’ lunga, ma piacevole, bisogna sempre iniziare un anno prima, a volte anche di piu’ per poter capire veramente quale e’ la soluzione migliore e in questo modo abbiamo visitato paesi meravigliosi, spendendo quasi sempre meno della meta’ di quanto richiesto in agenzia, soluzione pero’ molto meno faticosa! abbiamo visitato gia’ alcuni paesi dell’ Europa, la Turchia, il Marocco, l’Egitto, il Messico, il Guatemala, il Peru’ abbinato a Los Roques e quest’anno finalmente l’India!
Come al solito organizzato tutto tramite internet, prenotando con notevole anticipo il volo di linea lufthansa direttamente e poi dopo aver fatto una selezione di tour operator Indiani abbiamo scambiato numerosi messaagi con Karni, che ci e’ parso il piu’ consono alle nostre esigenze (rapporto prezzo/qualita’) abbiamo definito itinerario e servizi, cercando sempre di tenere sottocontrollo il prezzo, quindi niente voli interni, ma i lunghi trasferimenti in treno e per il resto itinerario via terra in bus privato, ma siamo tanti quindi la spesa del bus con autisti (2 persone) e guida parlante italiano non e’ stata molto gravosa, abbiamo speso 720 euro a persona, compreso tutte le escursioni ed anche la nezza pensione, perche’ sarebbe stato un po’ complicato cercare e trovare ogni sera un ristorante che potesse accoglierci tutti, e devo dire che per 18 giorni in terra Indiana, India del nord, Rajasthan, Agra, Varanasi e Delhi, non sono effettivamente molti, soprattutto dopo esserci stati ed aver soggiornato negli alberghi proposti, tutti davvero di ottimo livello!
Questo e’ il diario di bordo del nostro gruppo, spesso redatto in bus nei lunghi trasferimenti.

1 giorno – martedi 8 agosto 2006 Roma -Monaco

ritrovo nelle prime ore del pomeriggio a Fiumicino del gruppo.. numerosissimo quest’anno, siamo 34, se continuiamo ad aumentare ogni anno cosi’ dove arriveremo?
volo per Monaco. e poi da qui il successivo che ci portera’ finalmente in terra Indiana!

2 giorno – mercoledi’ 9 agosto 2006 Delhi Mandawa
arrivo puntuale a Delhi alle ore 7,15, qui ci attende Karni, il nostro organizzatore Indiano, con Pradeep, che sara’ la nostra guida parlante italiano che ci accompagnera’ per tutto il tour.
carico bagagli in un bus con aria condizionata e inizio percorso che da Delhi ci portera’ a mandawa, prima tappa. attraversamento veloce della citta’ di Delhi, dove possiamo iniziare a renderci conto della realta’ Indiana. sosta per pranzo in un ristorante all’aperto dove abbiamo preso contatto con il cibo Indiano, direi niente male!arrivo a mandawa nelle prime ore del pomeriggio, presso l’hotel desert resort mandawa dove veniamo accolti da alcune persone col turbante che ci colorano la fronte col primo cerchietto rosso della vacanza!
L’hotel e’ molto carino, situato nel bel mezzo del deserto, e’ una struttura moderna con tutta una serie di bungalow in stile locale, con graziosi muri a secco e motivi mandawa adornano le pareti. i boongalow si spandono in un giardino.pieno dianimali: scoiattoli, pappagalli, gechi! iniziamo subito il tour di mandawa visitando il castello e alcune haveli, case di commercianti con affreschi meravigliosi. cominciamo a prendere confidenza con il popolo Indiano, soprattutto con i bambini, che in questa zona sono piu’ tranquilli che altrove, rientro in hotel e cena, ottima, all’aperto sul prato con spettacolo danzante e marionette, la sera il clima e’ piacevole e dormiamo benissimo in queste stanze arredate con gusto.

3 giorno – giovedi’ 10 agosto 2006 Mandawa Bikaner

colazione molto gradevole e abbondante e partenza per Bikaner.
sosta per visita al villaggio fatephur , il bus ci lascia nella piazza principale e siamo subito assaliti dal caos totale, clacson impazziti, musica assordante.certo che sono rumorosi questi Indiani, (ma e’ solo l’inizio non siamo ancora abituati alle clacsate di tutti i mezzi a motore e non.). visitiamo un palazzo e dal tetto possiamo ammirare il panorama.arrivo a Bikaner intorno all’ora di pranzo all’hotel laxmi niwas palace. meraviglia delle meraviglie, ex residenza del maraja e’ un posto incantevole, restaurato in modo eccellente, decorato con meravigliosi bassorilievi, circondato da un giardino immenso. veniamo accolti con profumatissime collane di gelsomino e siamo stati dirottati in una meravigliosa sala piena di collezioni, trofei e tavoli da gioco dove ci viene offerto un aperitivo.ore 15,15 si parte alla volta della visita al forte junagarth, un gradevole complesso con bastioni del xvi secolo, appena entrati vediamo le impronte delle principesse che si sono immolate sulla pira funebre dello sposo. tutto molto bello. pitture bellissime, stanze adornate di specchi e dipinti………..ma e’ arrivato il momento dei topi! a 30 chilometri da Bikaner, andiamo a visitare il tempio deshnoke, il tempio dove si venerano i topi, considerati sacri perche’ sono la reincarnazione di bambini di una determinata casta della zona!!la vestizione e’ lunga, tolte le scarpe abbiamo indossato buste di ogni genere, da quelle semplici del congelatore a quelle sterili di sala operatoria..e ci siamo incamminati nell’interno: la vista e’ stata scioccante, i piu’ si sono addentrati anche nelle varie sale, ma erano davvero centinaia e centinania che si aggiravano abbastanza spauriti correndo da una parte all’altra del tempio..abbiamo anche avuto la fortuna (?!?!) di vedere il famoso topo bianco, ed abbiamo anche assistito ad una scena a dir poco schifosissima, un fedele dopo essersi inchinato svariate volte verso i numerosissimi animaletti, si e’ inchinato di piu’ raccogliendo dalla ciotola dove si abbeveravano i suddetti una bella manciata di latte e………..se l’e’ bevuta senza problemi, bhe’ devo dire che e’ stata la cosa piu’ schifosa della visita, anche perche’ la ciotola trasbordava di topolini assetati! rientro in hotel, cena in giardino con spettacolo di una bimba ballerina contorsionista..dopocena particolarissimo, abbiamo assistito al prematrimonio di un riccone induista con una mussulmana ( che pero’ non s’e’ mai vista) davvero fantastico, centinaia di persone che hanno partecipato a un ricevimento mega, cavalli addobati, fuochi d’artificio, canti e balli, cibo a profusione……i gelati erano per la maggior parte finiti a terra e le nostre scarpe rimanevano quasi attaccatre al pavimento. abbiamo anche potuto ammirare alcuni regali ricevuti: 4 automobili infiocchettate! e’ stato bellissimo visitare le sale dove si assiepavano le donne, rigorosamente sempre lontane dagli uomini, un turbinio di colori di vestiti unico…davvero uno spettacolo unico!

4 giorno – venerdi’ 11 agosto 2006 Bikaner Jaisalmer

con un po di dispiacere lasciamo Bikaner, ma soprattutto questo hotel meraviglioso! foto con portiere in altauniforme! lungo la strada sosta al tempio di ramdeora, dove migliaia di persone si radunano per adorare questo dio (incarnazione di visnu, anche i cervi sono considerati incarnazione di visnu e per questo sacri), percorrendo distanze disumane per venire a pregare, camminano anche per due settimane,molti di loro approfittano del periodo di ferie per effettuare questo pellegrinaggio ai limiti della sopportazione umana, camminano giorno e notte per coprendo distanze spaventose. arrivati qui sono assiepati perche’ non vedono ormai l’ora di arrivare davanti al loro dio! anche questo e’ stato uno spettacolo unico, non ce l’abbiamo fatta a fare la fila cosi’ stretti e l’ abbiamo aggirata su consiglio degli inservienti arrivando direttamente da dove i fedeli uscivano: e’ impressionante l’emozione che provano i fedeli davanti all’altare! arrivo nel pomeriggio a Jaisalmer all’hotel rangmahal, struttura un po’ fuori dal centro abitato, nuova, in stile tradizionale con robusti bastioni e camere tutte affrescate, ottima piscina nel giardino! ci siamo poi spostati in un belvedere per osservare il tramonto, ma il sole all’ultimo momento ha deciso di nascondersi dietro le nuvole, ma panorama ugualmente caratteristico, il forte sembra un enorme castello di sabbia dorata! cena movimentata, prima in giardino a bordo piscina, poi nel gelido ristorante perche’ e’ iniziato a piovere!

5 giorno- sabato 12 agosto 2006 Jaisalmer

ottima colazione, purtroppo nel solito ristorante gelido con il condizionatore a palla!usciamo dall’hotel per la visita al forte, ma prima sosta al lago gadisagar, molto grazioso, circondato da templi e santuari con il piacevole suono di un musicante……..
si procede con la visita del forte… e inizio dello shopping sfrenato! finalmente una bellissima passeggiate da soli nei vicoli del forte, ci sono abitazioni di locali, templi e negozietti di ogni genere, ognuno ha iniziato a familiarizzare con i vari souvenir del luogo, tappeti, cuscini, pantaloni e gonne di ogni genere ed abbiamo cominciato a comperare tra trattavive snervanti, ma anche molto molto dicertenti… dopo visita ad un bellissimo palazzo sempre nella citta’ con balconi e terrazze finemente decorati e con vere e proprie filigrane che creano un ambiente medioevale davvero caratteristico.bagno in piscina e riposo, ore 17 trasferimento a Khuri, circa 30 chilometri fuori, Jaisalmer per la cammellata nel deserto del thar. qui ci troviamo a soli 35 chilometri dal pakistan!arrivati abbiamo fatto un giro a piedi per il villaggio di Kuri, abbiamo visto le case fatte di fango e sterco di animale , poi con un po’ di confusione ci siamo sistemati a due a due sui cammelli, qualcuno solo, veramente, ed abbiamo raggiunto le famose dune per il tramonto, anche stasera il sole all’ultimo momento si e’ nascosto… e’ proprio antipatico!

6 giorno – domenica 13 agosto 2006 Jaisalmer Jodhpur

questa mattina diversi malati a bordo: pietro, jacopo, simone….
trasferimento lunghissimo per jodpur ! jacopo sta proprio male, la febbre non riesce a scendere, nonostante tachipirina e novalgina, anzi sebra crescere in continuazione fino a 40, 6……pezze gelate per tutto l’interminabile viaggio, arrivo in hotel, chiamato subito il dottore che lo visita e gli fa subito una puntura, ( in meno di un ora la febbre da 40, 5 e’ arrivata a 35,8 con rilascio di svariati litri di sudore) e poi fa la sua diagnosi..bisogna fare il test per la malaria ( anche se siamo in una zona non malarica….) in un’ora possiamo avere la risposta!
con il suo furistrada, il medico ci accompagna all’ambulatorio.. ( si fa per dire.), un sottoscala con tanto di piccioni…fatto il prelievo, acquisto medicinali in farmacia…stessa impressione dell’ambulatorio, dove per cento rupie ci hanno ricoperto di medicine, e ritornati in hotel abbiamo atteso il responso, finalmente eccolo: non e’ malaria, ma solo qualcosa di virale, respiro di sollievo!i sani sono andati in centro della bellissima citta’ blu con i tuk tuk, incontro ravvicinato con una mucca che ha seminato il panico…cena in giardino con spettacolo di musiche e danze!albergo molto carino con delle camere arredate in stile inglese, un ristorante e un bar arredati davvero con gusto, splendide ciotole piene di buganvillee.

7 giorno – lunedi’ 14 agosto 2006 Jodhpur



arrivo dei signori nucci e d’amario stramorti, sono partiti quattro giorni dopo, e ci raccontano delle loro peripezie in treno……….inizio tour con visita al forte mehrangarh uno dei forti piu’ grandi dell’India, in arenaria rossa, dal quale abbiamo potuto godere del meraviglioso panorama sulla citta’ blu, ( questo colore e’ stato dato dai fedeli del dio khrisna dal volto blu, poi hanno scoperto che e’ un ottimo deterrente nei confronti di qualsiasi insetto)avevano detto che Jodhpur era la citta’ del sole, invece abbiamo preso un bell’acquazzone!visita ad un cenotofio. ripetizione tuk tuk e di nuovo visita della citta’ vecchia, per le molte assenze di ieri sera,trasferimento al mercato tipico della torre dell’orologio esperienza unica, numerosissime bancarelle assiepate su un ridottissimo spazio e caos generale con numerose persone, mucche, biciclette, moto che strombazzano per farsi largo! che confusione, acquisti quasi zero! ritorno in albergo con tuk tuk.cena dentro il ristorante perche’ piove!,

8 giorno – martedi’ 15 agosto 2006 Jodhpur Udaihpur

buon ferragosto, dopo colazione trasferimento Udaihpur.
tempo grigio..piove, si sta meglio come temperatura, forse questa pioggerellina serve a far scendere un po’ la temperatura.sosta in un posto dove dicono facciano dei tappeti….nessun acquisto, anche perche’ chiedevano una cifra esorbitante.il tempo sta proprio cambiando, non ce’ piu’ l’afa, ma anzi c’e’ una leggera brezza che fa molto piacere!nei nostri lunghi trasferimenti possiamo sempre ancora vedere una processione di persone ai lati della strada che s’incamminano per andare a visitare il tempio di ramdeora, e si’ che ne abbiamo fatti di chilometri!!!!!! finalmente arrivo a ranakpur, primo tempio giainista dell’India, atmosfera davvero incantevole, pioggerellina che crea l’atmosfera per la giusta spiritualita’ d’osservazione. 29 sale tenute da 1444 colonne scolpite una diversa dall’altra, tutte dritte tranne una che e’ storta.perche’ dio dice che la perfezione non puo’ essere di questo mondo.Pradeep ci aiuta a scovarla e foto a profusione, visita davvero bella, e’ un tempio molto grande che riserva scorci particolari.visita successiva ad un tempietto laterale dove un canto di una signora Indiana che stava pregando ha creato un’atmosfera quasi magica! fuori di questo Pradeep ha indicato delle pitture del kamasutra.
arrivo a udaipur , sotto una pioggia torrenziale, la temperatura e’ proprio cambiata, il pulmann ha dovuto cambiare strada per allagamenti…….non e’ una cosa normale in India!
arrivo all’hotel rampratap palace e..sorpresa mancano prima 2 camere, poi 3 poi addirittura 5! dopo varie disquisizioni 10 volontari decidono di andare a dormire nell’altro albergo, il swaroop wilas hotel .

9 giorno – mercoledi’ 16 agosto 2006 Udaihpur

dopo colazione siamo andati a prenedere i 10 volontari che hanno alloggiato all’altro albergo nell’attesa siamo stati intrattenuti dall’arrivo di un elefante e guido si e’ cimentato in una non facile salita prima e discesa poi dall’animale per una piccola passeggiata.
visita particolarissima al city palace dove abbiamo potuto ammirare bellissime miniature, qui ancora c’e’ la residenza del maraja che e’ ricco sfondato, vive per la maggior parte dell’anno a londra e sembra che possegga 150 macchine, tra cui una ferrari, una jaguar, una lumousine e chi piu’ ne ha piu’ ne metta alla faccia del popolo Indiano !!!!.udaipur risulta essere la citta’ piu’ romantica del Rajasthan dove moltissime coppie vanno in viaggio di nozze, forse dipende anche dalla presenza di due laghi, che a detta di molti risultano spesso quasi secchi, invece con il nostro arrivo, quasi quasi straripano, anzi alla nostra partenza un’alluvione ha colpito la citta’ e ci sono stati anche numerosi morti annegati!dopo la visita ad una scuola di miniature inizio shopping sfrenato nei negozietti vicini al city palace!alle 17,30 gita in barca sul lago pichola, piacevole si e’ potuto ammirare da vicino il lake palace hotel, uno degli alberghi piu’ famosi dell’India, e’ considerato un sogno galleggiante tutto in marmo bianco!in serata e’ stato preso d’assalto da tutti i componenti del gruppo un negozio della lacoste che aveva prezzi… Indiani! una vendita cosi’ non se la sognavano..risultato negozio svuotato!!!!!

10 giorno – giovedi’ 17 agosto 2006 Udaihpur Pushkar

oggi raggiungeremo finalmente Pushkar, non abbiamo nessuna nostalgia a lasciare questo albergo che risultera’ poi il peggiore di tutto il tour! abiamo lasciato il pulmann e muniti di tuk tuk abbiamo raggiunto chittorgart che ha il forte piu’ impressionante del Rajasthan, una autentica meraviglia architettonica a 600 metri d’altezza, qui il clima e’ ottimo, all’ombra fa addirittura fresco.incredibile! in questo posto e’ dove hanno iniziato i siucidi di massa da parte delle donne all’arrivo dei nemici, migliaia di donne si sono suicidate quando si rendevano conto che non c’era piu’ nulla da fare e il forte veniva espugnato dal nemico!qualcuno ha approfittato anche per andare a cavallo.sosta ad una stazione di servizio dove e’ vietatissimo fumare..ma non giocare a pallone, i ragazzi e non solo loro approfittano per sgranchirsi un pochino!arrivo a Pushkar in serata, graziosissima cittadina tutta bianca in riva al lago, ai piedi della collina, unica citta’ Indiana dedida al culto di brahma, il creatore, il primo della trinita’ induista. la leggenda dice che il lago e’ stato creato dal fiore di loto caduto dalla mano di brahma.arrivo al jagat palace hotel ( la migliore sistemazione di puskar ) e veniamo accolti con collane di rose profumatissime, albergo davvero splendido arredato e affrescato in maniera eccelsa! cena buonissima.senza carne ne’ alcool, siamo nella citta’ sacra, ma nel dopo cena antonio ha elargito la sua preziosa bottiglia di ramazzotti portata dall’italia!

11 giorno venerdi’ 18 agosto 2006 Pushkar

visita al tempio del dio bramha molto affollato e coloratissimo, incontro delle vacche a 5 zampe e per questa anomalia considerate ancora piu’ sacre! visita al ghat del lago, panorama bellissimo, attraversamento del ponte sacro rigorosamente scalzi! giornata molto gradevole in questa bella localita’, shopping sfrenato, e’ davvero una cuccagna per gli acuisti..tramonto bellissimo sul lago! forse questo posto meritava un giorno ulteriore! festeggiamenti Indiani al bordo piscina per il ventottesimo compleanno di mara, che e’ rimasta molto emozionata dalla cosa!…

12 giorno sabato 19 agosto 2006 Pushkar Jaipur

partenza da puskar..posto davvvero incantevole…..145 chilometri ci separano da Jaipur, capitale del Rajasthan, strada piuttosto buona e dopo circa 3 ore arrivo all’hotel alsisar haveli, davvero molto gradevole…piccolo disservizio per la consegna delle camere, sono state assegnate delle regge alle camere doppie, mentre le triple sono state cambiate perche’ non ci si riusciva a mettere neanche il terzo letto, certo che questi Indiani sono proprio furbi!!!siamo subito usciti e ci siamo resi conto del caos cittadino, Jaipur e’ davvero molto molto caotica!
appena scesi dal pulman siamo stati accerchiati da numerosissimi bambini e adulti che ci volevano vendere qualcosa, dagli elefantini, acquistati 12 per 100 rupie. ai timbri, ai ganesh ecc.qualcuno ha seguito lo pseudocugino di Pradeep per l’acquisto di petre, questa e’ la citta’ delle pietre preziose.
il gruppo si e’ sparso per il bazaar ed e’ stato preso d’assalto un negozio di scarpe.. tutti sono usciti con la loro bustina piena di uno due tre paia di scarpe Indiane!ancora diversi acquisti di cuscini, coperte e pashmine, ed anche qualche argento, poco a dir la verita’, i costi non sono poi cosi’ Indiani! con i tuk tuk, mezzo che ti permette di affrontare il traffico caotico delle citta’, alcuni hanno raggiunto un indirizzo consigliato ad annamaria…certo anouki ..negozio molto vicino agli standard e gusti occidentali, acquisti in massa di coperte tovaglie bracciali collane camicie pantaloni e vestiti di ogni genere!
cena in un ambiente ragale, tavolata immensa, cibo ottimo e vario, numerosi camerieri in alta uniforme con bellissimi turbanti!

13 giorno domenica 20 agosto 2006 Jaipur

colazione simile alla cena con varieta’ di pietanze, stamane ci aspettano gli elefanti al forte amber. prima pero’ salutiamo il nostro autista che ci deve lasciare per un’ impprovvisa malattia del padre, come al solito raduniamo le forze e lasciamo la nostra bella mancia….ma come non era mai capitato, colui si e’ alquanto arrabbiato…non era quello che desiderava avere….sono stata informata della cosa e a quel punto sono io che mi sono arrabbiata…e gli ho detto tramite Pradeep che cosa intendiamo noi per mancia!ci mettiamo in cammiino e dopo pochissimi chilometri arriviamo al……..parcheggio degli elefanti, dopo aver fatto una sosta con tanto di incantatore di cobra, a due a due ci disponiamo sul baldacchino degli elefanti per la risalita al forte amber…e’ davvero divertente entrare trionfalmente nel forte a dorso di elefante dopo aver fatto una bellissima passeggiata panoramica, rincorsi dai vari venditori di ogni che !
visita del forte che ha una posizione molto strategica, molto belli la porta di ganesh e la stanza degli specchi, degno d’osservazione particolare la stanza dei venti dotata di un particolare impianto di condizionamento dell’aria basato sulla caduta di acqua mista a oli particolari che dava una ventilazione..profumata! pero’ questi maraja..ne inventavano sempre una piu’ del diavolo!ritorno a piedi al bus con l’accompagnamento di numerosi veditori..alquanto fastidiosi, comunque acquisti di vario genere! a questo punto e’ salito sul bus un personaggio fantastico : un mago! ci ha fatto il suo spettacolo e ci siamo sbellicati dalle risate…finche’ ha detto << mago finish>>..si trattava di un bimbetto, che a detta di Pradeep aveva 10 anni, ma francamente ne dimostrava al massimo 5, ma davvero fantastico!visita successiva in un negozio di porcellane azzurre, pochi acquisti .alle 13,30 e’ arrivata la macchina, anzi la macchinona ( una toyota immensa) che accompagnera’ giada a Delhi che e’ costretta per motivi di lavoro a rientrare a roma prima di noi.visita successiva, breve, al city palace, niente di particolare, tranne una interessante mostra di tessuti e vestiti davvero particolare, abbiamo anche visto il vestito del maraja che pesava 240 chili ed aveva una circonferenza di 120 centimetri ed un’altezza di 2,10 metri!!!!visita interessantissima all’osservatorio dove abbiamo controllato l’ora su una meridiana precisissima (.solo 20 minuti di differenza).

14 giorno lunedi’ 21 agosto 2006 Jaipur Agra

ultimo trasferimento in bus che ci portera’ ad Agra, dopodiche’ ci sposteremo con il treno. sosta 30 chilometri prima di arrivare ad Agra, per la visita a fathepur sikri, citta’ fantasma abitata solo per 15 anni e poi abbandonata per motivi di approvvigionamente idrico. bellissima citta’ costruita in arenaria rossa da un imperatore akbur per ringraziare l’indovino del luogo che finalmente gli ha permesso,con la sua intercessione, di avere un figlio maschio. meravigliosa architettura d’insieme, tempio dove le donne si recano per pregare ed ottenere cosi’ il figlio maschio, moschea immensa!
arrivo in albergo, hotel clarks shiraz, albergo moderno, freddissimo, pasticceria, con molto meno fascino delle precedenti sistemazioni.solito problema per sistemazioni triple..e risoluzione con scambio immediato tra doppia( come sempre piu’ grande) e tripla. abbiamo il tempo di fare un giro a piedi in citta’, ma come ci incamminiamo una stuola di riscio ci insegue sperando di accoglierci..il primo ad approfittare della situazione e’ stato claudio, seguito poi a ruota da tutto il gruppo! anche questa esperienza non troppo civile (..trasportati da persone..) viene fatta dal gruppo, ma forse, come dice qualcuno, si da loro la possibilita’ di guadagnare qualcosa e non di essere sfruttati!giro per negozi vari, acquisto di scarpe e rientro sempre con i riscio’ in albergo. cena sontuosa ( anche il gelato!) in un ristorante gelido!
15 giorno martedi’ 22 agosto 2006 Agra

sveglia ore 4,45 ..il taj mahal ci aspetta!l’ultima parte del percorso lo facciamo con il bus elettrico,non permettono a qualsiasi mezzo di trasporto a motore di avvicinarsi al tempio, per un problema di inquinamento, anni fa si sono accorti che il marmo stava assumendo un colore giallastro..la porta e’ ancora chiusa, aprira’ alle 6, siamo i primi della fila, dopo uncontrolllo al metaldertector, dentro non possiamo portare nulla, tranne macchina fotografica, arriviamo finalmente …la vista del tempio e’ spettacolare, lascia senza parole sia per la maestosita’ che per la bellezza! foto a non finire e visita di questo posto meraviglioso alle prime luci del sole e devo dire che merita davvero!abbiamo ammirato nell’interno l’incastonatura delle pietre preziose e non preziose, unite mirabilmente per formare splendidi fiori, per alcuni ce ne sono vluti 52 pezzi!abbiamo avuto la fortuna di trovare il vano sotterraneo che contiene le due tombe originali aperto, non accade quasi mai, anche Pradeep era la prima volta che lo vedeva!dopo esserci attardati nella terrazza che si affaccia sul fiume yamona, uno dei tre fiumi sacri Indiani, abbiamo fatto ritorno in hotel appagati di una splendida visione, anche se l’interno del tempio rimane un pochino deludente, rispetto alla maestosita’ e alla bellezza dell’esterno!colazione eccellente nel ristorante sempre gelido! sistemazione dei bagagli, il grosso sara’ trasportato dal bus direttamente a Delhi, con noi intreno ci porteremo solo l’indispensabile per la trasferta a Varanasi.inizio tour della citta’ con visita al forte rosso, da dove si puo’ ammirare ancora il taj mahal.usciti dal forte liberta’..ci incamminiamo nella ricerca diun fantomatico mercato che non abbiamo trovato, ma in compenso abbiamo attraversato una parte del centro davvero caratteristica, un quartiere davvero Indiano, piena di negozietti , barbieri ed abbiamo anche fotografato qualche albergo, sicuramente economico..non si sa mai nel futuro!
stravolti dal caldo e dal chiasso abbiamo contattato tuk tuk di gruppo e ci siamo indirizzati chi da pizza hut, chi da mc donalds. poi ci siamo diretti senza accompagnamento in una stradina di negozi artigianali per completare gli acquisti, chi tappeti, chi strumenti musicali, chi cuscini , chi pashmine..rientro in hotel, cena alle 18,30 in un ristorante e poi trasferimento alla stazione.problema per la prenotazione delle cuccette, ci hanno sparpagliato in tre vagoni diversi, dopo ampia discussione ognuno ha trovato il suo giaciglio piu’ o meno comodo..ma anche qui un freddo incredibile, l’aria condizionata e’ davvero esagerata!anche questa esperienza e’ fatta, certo i treni Indiani sono particolari!sveglia dopo una notte non prorpio tranquilla i piu’ hanno dormito poco e male e purtroppo questa esperienza dovremmo ripeterla domani per l’avvicinamento a Delhi.
16 giorno mercoledi’ 23 agosto 2006 Varanasi

arrivo a Varanasi!
Varanasi, bella e terribile al tempo stesso! per il popolo induista nella vita bisogna almeno una volta visitare Varanasi!
e’ una citta’ che commuove, dalla quale non si riparte mai uguale!
e’ l’essenza dell’India, il vento della vita e della morte, la spiritualita’ si incolla alla pelle e penetra nello spirito.molte persone malate arrivano qui e restano in attesa che la morte li prenda, orire a Varanasi, nella citta’ sacra piu’ antica del mondo, significa andare direttamente in paradiso, nirvana, senza fare lunghi passaggi e varie reincarnazioni! colazione in un ristorante dove siamo arrivati affamatissimi…. arrivo al’hotel radisson, 5 stelle, albergo molto molto inn con camere arredate elegantemente piene di ogni confort, tavola da stiro, ferro, phon, cassetta di sicurezza…. molti negozi e terrazza panoramica.ore 13,30 inizio tour per visita al museo archeologico di… visita al sito dove c’e’ il primo stuba dove ha predicato Budda dopo la sua illuminazione.visita al tempio moderno costruito a fianco frequentato da molti fedeli. abbiamo preso i riscio’ e devo dire che il sedile era leggermente stretto per me e guido, ma ad ogni modo ero molto piu’ concentrata su quello che accadeva in strada che sulle comodita’ di questo mezzo, e’ incredibile come debba girare in continuazione a destra e sinistra per evitare biciclette, vacche sacre, pedoni, moto auto e altri riscio’, a volte non ci riescono…comunque in questo delirio e fracasso generale, siamo arrivati sul meraviglioso Gange, il dio che tutti gli induisti pregano, anzi la dea madre ganga, la vista e’ impressionante, e’ un fiume immenso!siamo scesi su un ghat dove piu’ tardi faranno la cerimonia puja di ringraziamento. abbiamo girato nei vicoli assaporando il clima particolare di Varanasi, quello che ci appare ai nostri occhi e’ davvero l’India, quella vera!
poi giro in barca per vedere dal ontano il luogo delle cremazioni e poi per assistere alla cerimonia. diversi bambini saliti sulla nostra barca ci hanno venduto le lampade votive abbellite da fiori da sistemare sul fiume che poi affideremo alle acque confidandogli i nostri desideri……il tutto e’ molto mistico e spirituale,forse anche un po’ turistico, ma sicuramentepiacevole, i gesti dei sacerdoti, i suoni, la musica, l’incenso la contemplazione da parte di tutti crea davvero una magica atmosfera!rientro con riscio in hotel e.tamponamento a catena con caduta libera di giuliano.per fortuna tutto ok!questi mezzi di trasporto possono davvero essere molto pericolosi, come del resto qualsiasi mezzo di trasporto che circola sulle strade, il modo di guidare degli Indiani e’ davvero pazzesco!
cena in un ristorante molto elegante con tante cose tantissime pietanze buone ed alcune cose nuove!

17 giorno giovedi’ 24 agosto 2006 Varanasi

sveglia di nuovo alle 4,00 gita all’alba sul Gange per assistere alle abluzioni,ci sono gli Indiani di ogni eta’ intenti nella pulizia delproprio corpo e dei propri abiti in questo sacro fiume si strofinano, si insaponano, sbattono i vestitit contro i gradini e poi li stendono in tutta la loro lunghezza (i sari delle donne sono molto lunghi). sosta dove fanno le cremazioni, abbiamo potuto osservare da molto vicino un cadavere sulla pira ardente, l’odore e il fumo acre, ma non fastidioso ti penetra addosso, anche nei vestiti…in questo quartiere sono 1000 anni che il fuoco delle cremazioni e’ sempre acceso perche’ ci sono cremazioni continue, la casta che si occupa delle cremazioni e’ quella degli intoccabili. visita successiva al tempio che conserva l’ingham di shiva, dopo avetr attraversato i vicoli strettissimi di Varanasi, tantissima polizia armata fino ai denti, metaldetector, e palpazioni varie prima di entrare..il tutto perche’ hanno paura di attentati da parte dei mussulmani che hanno uns mosches proprio a fianco del tempio.rientro in hotel e colazione faraonica, con tanto di asporto di panini e dolci per la nottata in treno.giro in riscio alla ricerca d qualche negozio nuovo.ma non abbiao trovato granche’, tranne qualche chilo di asciugamani che si riveleranno ottimi nella notte in treno.pranzo cena alle 15,30 prima di raggiungere la stazione per prendere il treno per Delhi… qui matteo e lina si sono smarriti..sfuriate varie soprattutto con Pradeep e sistemazione veloce e tranquilla in treno (era stata organizzata a tavolino da franco n. precedentemente!) in questa sistemazione 6 uomini, non per sacrificarsi, ma per meglio organizzare il loro torneo a carte, si sono sistemati nell’ultimo vagone e ad un certo punto oltre alle carte hanno anche tirato fuori la bottiglia del rum del Rajasthan, coinvolgendo anche un ferroviere che riempito il bicchiere, alle sette di mattina ancora faceva il verso del gatto!
Pradeep ha fatto l’henne a chi lo ha voluto.e c’e’ stata una processione nella sua cuccetta.

18 giorno venerdi’ 25 agosto 2006 Delhi

arrivo puntuale in sitazione alle ore 7,30, trasferimento in pulmann, in hotel. Delhi e’ proprio una metropoli, e’ immensa, larghi viali, grattacieli, traffico caotico, ma comunque a old Delhi stesse scene di poverta’, stesse mucche di tutto il resto dell’India.arrivo in albergo, singh palace hotel, semplice. ma pulito. inizio del tour con la visita al sito , minareto particolarissimo che ricorda archeologicamente le costruzioni afgane… risaliti sul pulmann di nuovo imbottigliati nel traffico sosta all’altare di ghandi, dove e’ stato cremato, poi visita al gate India. poi liberta’ fino alle ore 19,00 pizza gigante da pizza hut, con tanto di balletto dei camerieri, e ultimi acquisti all’emporio e alle botteghe nepalesi e tibetane.

c’e’ molta differenza tra l’India delle grandi citta’ e l’India rurale, quella dei piccoli paesi visitati i primi giorni, non e’ che qui non c’e’ poverta’, ma le persone sono molto piu’ decorosw, meno aggressive, molto piu’ dolci!
rientro in hotel e ultima cena in India in un ristorante di Delhi dove ci hanno accolto con corone di fiori.cena tipica e solita, ultime foto e brindisi di commiato.nel ritorno sul pulmann si e’ scatenata una furia pazzesca a base di corone di fiori tra il davanti del pulmann capitanato da Pradeep e il dietro con tutti i ragazzi capitanati da manuele, risultato finale, un tappeto di fiori per terra che il bus poteva partecipare all’infiorata di genzano.non contenti jacopo e matteo hanno voluto creare un’ esplosione di colore nella loro camera tirando la lotro collana tra le pale del ventilatore, risultato letto fiorito!

19 giorno sabato 26 agosto 2006

sveglia di buon’ora ancora, dobbiamo essere presto in aeroporto, i controlli si sono moltiplicati dopo quanto accaduto..arrivo in aeroporto, saluti a Pradeep, che secondo me non vedeva l’ora di liberarsi di questo gruppo numeroso e a volte disordinato.
controlli diversi e numerosi, overbooking, prima si poi no per alcuni, finalmente alle 9,20 si parte.arrivo puntuale a Monaco, abbiamo qualche ore e decidiamo di fare una puntatina con la metro nel centro citta’, siamo scesi direttamente, sulla Marienplatzer… bellissima!
piccola passeggiata e degustazione di ottimi whurstel e birra, acquisto di pane e dolcetti tipici.giratina piacevole e di nuovo sulla metro che ci riporta in tempo, ore 18,00 per imbarcarci sul volo per roma. conclusione, gita piacevolissima e veloce a monaco.che ci e’ costata come una settimana in India, certo che i prezzi europei sono diversi!
“passaggio in India” appunti di lina impressioni e considerazioni alla rinfusa e’ terminato il viaggio in India del nord, che dire??? non si puo’ descrivere questa terra, il popolo e l’ambiente perche’ la realta’ supera notevolmente la fantasia e l’immaginazione. ho trovato un popolo <<particolarissimo>> dove vige la non cultura dell’igiene, ma accanto a questo si vedono donne dal portamento regale, magari a piedi nudi, ma con le cavigliere! donne che indossano il loro vestito coloratissimo, donne che hanno il volto coperto ma il ventre scoperto, che tengono tanto agli orecchini e ornamenti vari. gli uomini hanno vestiti dismessi e turbanti diversi e colorati, fattore comune e’ l’indumento sporco, e’ sbalorditivo passeggiare per i vicoli ed imbattersi in bambini all’aperto, persone che vivono in strada, quindi che circolano beati e che espletano le loro funzioni fisiologiche dove capita. ci sarebbe troppo da scrivere ma l’India va vissuta perche’ gli odori delle spezie, le puzze, i colori delle vesti, gli sguardi penetranti dei bambini, l’organizzazione dei gruppi gestito dal procacciatore d’affari, tutto questo non si puo’ descrivere. basta pensare al traffico, alle clcsate, ai tuc tuc, ai riscio a pedale, basta pensare alla strada dove vige la legge del piu’ forte: dal pulmann con posti a sedere anche sul tettuccio, ai riscio trainati da persone magrissime, quasi consumate. non si puo’ tralasciare quella che per loro e’ la religione, vedere tanta gente che offre anche semplici petali di rose, che adora…oggi posso dire che ci sono stata, che e’ stata una esperienza forte ma che rimarra’ impressa, ma mi viene da pensare che e’ vero che “Ccristo si e’ fermato a Eboli” ma dall’India non e’ mai passto nemmeno per sbaglio!!! grazie a mirella per avermi permesso di stare in India e grazie a tutti per aver condiviso con me i disagi ( se ci sono stati) ma anche quelli sono esperienze che si raccontano, come la caduta di giuliano dal riscio’.vita nel pulmann durante i lunghi percorsi, si sono verificati due modi di passare il tempo -torneo di briscola e tressette solo per uomini, la coppia perdente ha dovuto pagare da bere ( anche in India hanno trovato il rum) anche se il signor nucci aveva portato ramazzotti e grappa dall’italia -istituzione di una commissione di inchiesta per processare diverse persone ritenute colpevoli di ritardi, con tanto di presidente, immune quindi niente pena, e chi poteva essere se non claudio!!!!!
-anche in pulmann non ci siamo fatti mancare niente, compresa l’assistenza a jacopo e ad altri un po’ disturbati lina

Che dire di questo meraviglioso viaggio in terra Indiana, forse non tutti hanno avuto un giudizio positivo per questa terra fantastica, alcuni hanno trovato disgustoso l’odore, o meglio le puzze, sono rimasti schifati dai vari escrementi lasciati non solo dalle mucche sacre in terra, sono stati disturbati dal fango presente ovunque… ma quello che resta incollato a noi per sempre e’ la spiritualita’ che aleggia dappertutto, e’ lo sguardo intenso e profondo delle persone, soprattutto dei bambini che il vivere sulla strada ha reso molto molto piu’ grandi della loro effettiva eta’, e soprattutto il loro senso della vita, non abbiamo che da imparare!!!!!

Il Viaggio Fai da Te – Hotel consigliati in India

 

 
Commenti

Nessun commento