Viaggio in Argentina

di Virna –
Viaggio in Argentina del nord e Buenos aires in tre amici
Prezzo biglietto aereo Torino/Madrid/Baires con Iberia 1.370 euro a testa
Noleggio auto, con rentalcar.com 1.250 con 200 km al giorno per 17 giorni
Hotel per le prime due notti prenotato attraverso booking.com ma pagato sul posto Hotel Ayres Porteños Tango Suites in San Telmo 78.60 dollari a notte con 10% di sconto se si paga cash x la doppia e 72.40 per la singola. Speso sul posto, esclusi regali e scarpe da tango, 1.000 euro a testa circa.

1 Euro = 6,60 pesos, al cambio ufficiale – 1 Euro 8,50/8,75 al cambio nero

Devo dire che 12 ore di volo diurno in un aereo strapieno e con molti bimbi piccoli strepitanti non é una passeggiata. se poi a questo aggiungi anche che quando arrivi non c’é, come al solito per me, il bagaglio…..ti viene da pensare che il viaggio non é iniziato con i migliori auspici e quando poi vieni a sapere che il tuo bagaglio, e quello degli altri, non é mai partito da Torino …. non hai piú parole ma solo parolacce!
Dopo aver sbrigato le pratiche per lo smarrimento bagagli ed aver avuto assicurazione che questi arriveranno il 26/12, raggiungiamo l’hotel con il taxi prenotato precedentemente. Vista l’ora, la stanchezza ed il fatto che la notte di Natale a Baires é tutto chiuso ci mangiamo il panettone, portato da casa, ed andiamo a dormire.

L’hotel Ayres Porteños é molto caratteristico perché ha dei bei murales che raccontano il tango in ogni stanza. il personale é molto cortese, le stanze sono abbastanza ampie e pulite wifi libero con buon segnale e buona colazione selfservice.
il giorno di Natale giriamo quasi senza meta per Baires attraversando parecchi quartieri da San Telmo a Microcentro da Puerto Madeiro a Recoleta, di cui visitiamo il famoso cimitero , a Palermo che risultano pressoché tutti deserti. Ci fermiamo a pranzare alla Trattoria Il Gatto, che poi scopriremo essere una catena, calle Posadas 1052, una grossa milanese di pollo con formaggio sopra e patate, una caprese 2 caffé e 4 bottiglie d’acqua 235 pesos. Devo dire che fa un certo effetto vedere avenida 9 de luglio, 8 corsie per senso di marcia più due di controviale una delle strade più larghe al mondo, deserta senza auto né persone in giro, l’ìatmosfera è da film di fantascienza.
Ceniamo nella parte pedonale di avenida Lavalle al ristorante La Estancia 620 pesos per una grigliata mista x 2 una bottiglia di ottimo vino delle fragole nature e due caffé. Gentile il cameriere che ci ha suggerito la parrilla x 2 anziché x 3, viste le porzioni… in ogni caso più di 30 euro a testa mi é parso un decisamente caro. 150 pesos per una bottiglia di vino è un prezzo fuori dal normale.
Forse ci stavano aspettando?

Il 26 dicembre in Argentina non é festa quindi riprendono tutte le attività lavorative. Riusciamo a cambiare bene gli euro e a ritirare l’auto senza intoppi. Ci chiamano dall’aeroporto x dirci che il bagaglio è arrivato lo raggiungiamo in auto e recuperati i bagagli partiamo alla volta di Rosario, prima tappa di questo giro per l’Argentina del nord. Abbiamo il navigatore con le mappe del paese sul tablet ma anche una cartina.
Da Baires a Rosario sono 390 km circa,la strada molto ampia nel primo tratto, l’unica autostrada degna di questo nome, si riduce poi a due corsie molto sconnesse é a pagamento. Troviamo infatti più caselli autostradali e paghiamo più volte 4,5 / 8 /4,5 pesos. Il panorama é una sconfinata distesa di campi costellata di mandrie. Arrivati a Rosario decidiamo di affidarci alle recensioni di Andreapaola7273, pubblicate sul loro racconto, http://turistipercaso.it/argentina/63013/argentina-un-paese-da-scoprire-e-amare-parte-1.html, e di cercare l’hotel Colonial in Av Maipù. l’hotel si rivela il buon posto descritto con stanze piccole ma pulite una bella zona all’ingresso buona la colazione quasi esclusivamente composta da cose dolci. unico neo il prezzo! a distanza di un anno, infatti, i prezzi sono aumentati del 50%! infatti la doppia costa 310 pesos contro i 220 e il garage per l’ auto 45, contro i 30 pagati da Andrea e Paola. Facciamo un giro per il centro di Rosario che si rivela una bella cittadina con molti palazzi coloniali ed un bel lungo fiume attrezzato. Per la cena chiediamo consiglio entrando in un paio di bar ed entrambi ci suggeriscono La Martina , av.Laprida 996, un bar trattoria che prepara dei piatti molto semplici ma buoni ed ad un ottimo prezzo. spendiamo 160 pesos in tre per 3 grandi bistecche impanate con patate fritte o insalata 3 ottimi dolci un litro di birra un calice di vino e 2 caffé. Consigliato!

La mattina del 27/12/12 partiamo per Cordoba. 410 km circa. mettiamo 155 pesos di benzina, circa 22 litri, e ci fermiamo a fare scorta d’acqua. L’acqua minerale é parecchio costosa da1 euro a 1,20 la bottiglia da 1 litro e mezzo! la strada per Cordoba é a 2 corsie ed é ben asfaltata, anche questa é a pagamento, due caselli, 6,5 e 6 pesos. Cordoba é una grande città con un bel centro commerciale pedonale ed alcuni bei monumenti patrimonio dell’Unesco. Il nostro hotel “Garden” si trova nella zona pedonale ed ha un piccolo giardino interno molto carino e tranquillo. le stanze sono ampie ma non pulitissime, personale cordiale e colazione discreta in un bar a poca distanza. prezzo 260 la doppia e 240 la singola. il garage 40 pesos. ceniamo al ristorante La Perla, av.Olmos 259 suggerito dal racconto di andreapaola7273. l’odore che percepiamo entrando non é dei più piacevoli ma la carne che mangiamo é buona il cameriere gentile ma non ne siamo entusiasti. speso 190 pesos. La mattina dopo partiamo verso la regione della Rioja ai confini con quella di Mendoza per visitare i parchi geologici risalenti al triassico di Ischigualasto e Talampaya. l’uscita da Cordoba non é stata semplice i tanti sensi unici non segnalati ci hanno creato qualche problema. Per fortuna grazie al nostro navigatore riusciamo a prendere una scorciatoia che attraversa una serie di paesini, Cosquin, La Cumbre, Capilla del monte, dove ammiriamo i bellissimi paesaggi delle Sierre centrali, arrivando a 2020 metri per poi scendere a Chamical, Patquia tra strade sterrate e cactus. Dopo circa 600 km arriviamo nella zona tra la valle della luna e valle fertil dove si trova il parco di Ischigualasto, il cui significato è terra senza vita. In questa zona sono stati ritrovati tantissimi reperti fossili risalenti al triassico e molti resti di varie specie di dinosauri. La visita guidata, che si effettua con la propria auto, dura 3 ore per 40 km di circuito e contrariamente al prezzo pubblicato sulle varie guide e sul sito del parco é di ben 130 pesos a testa! Riusciamo a partecipare all’ultimo giro della giornata che parte alle 16.45, il parco chiude alle 17. Le formazioni rocciose ed il paesaggio che si incontra durante la visita valgono sicuramente la deviazione fatta per arrivarci. Terminiamo la visita verso le 20.30 e raggiungiamo il tranquillo ma ben attrezzato paesino di Pangacillo, non citato dalla Lonely Palnet ma dalla Routard e qui, al controllo fitosanitario posto prima del paese, incontriamo un signore che ci propone per 200 pesos una cabanas. Cabanas las vinas un abitazione composta da 2 stanze, cucina e bagno. Sistemazione più che decorosa per una notte! Ceniamo con ottime milanesi, che sono il piatto più comune, proposto anche con salsa di pomodoro, funghi, formaggio…al pari della parrilla, ed empanada, in un comidor sulla piazza del paese. Qui cenare alle 22 o più tardi é normale. Speso 191 pesos.

La mattina dopo, non trovando aperto il comidor, anche se la signora ci aveva assicurato la colazione per 7.30, ripartiamo verso il parco di Talampaya tornando indietro di circa 30 km. Questo parco, che dipende dalla regione della Rioja, e che é il proseguimento dell’altro, ha una gestione diversa. le visite sono previste solo con pulmini del parco o a piedi o in mountanbike. per le visite col puImino i prezzi vanno da 135 a 195 pesos a seconda dell’itinerario, mentre le altre costano 80 pesos per 3 ore. Decidiamo di fare il giro a piedi per goderci un pò di più il posto. raggiungiamo in auto la base dell’escursione e qui prendiamo delle mountain bike con le quali raggiungiamo il canyon Eduardo. la passeggiata a piedi si rivela interessante ed affascinante. i colori delle rocce e le loro conformazioni particolari ci entusiasmano. Terminta la visita verso le 13, sotto un sole rovente circa 35° ma senza umidità, ci fermiamo nel vicino paese di Villa Union. 60 km circa, per pranzare con le solite miIanesi ma questa volta anche di pesce, al comidor ” Las Hornillas” in av. Nicolas Davila. speso 110 pesos per 3 milanesi con contorno acqua e caffé.
Proseguiamo verso il paesino di Chilecito il percorso non é lungo, circa 150 km, ma la strada si rivela sterrata con la prima parte molto larga che poi si stringe e si inerpica con passaggi da 4×4. Benvenuti sulla famosa Routa 40! la mitica strada che attraversa l’Argentina da nord a sud fino alla terra del fuoco. In lontananza vediamo le Ande. Arriviamo in paese più tardi del previsto ma troviamo subito un hotel il Routa 40 , calle Libertad 68, che ha delle stanze basic a 180 la doppia e 120 la singola. con colazione e 15 pesos per il garage. Facciamo una passeggiata per il paese che si rivela molto carino pieno di vita e bei negozietti. Decidiamo di provare un ristorante segnalato in modo entusiasta dalla Lonely ” El Rancho de Ferrito” av Pelagio Luna 647, ed in effetti abbiamo mangiato molto bene, anche se abbiamo dovuto aspettare le 21,30 perché da queste parti si cena tardi, e cose diverse dal solito come il bollito misto con tante verdure e la gallina bollita con il suo brodo. prezzi ottimi , una bottiglia di Torrontes bianco a 40 pesos contro i 150 di Baires! personale gentile. Speso 196 pesos, decisamente da provare. La mattina dopo, prima di ripartire visitiamo il museo del Cable Carril. che racconta la costruzione della ferrovia per consentire l’estrazione dell’oro, argento e rame ad una quota di 4000 mt. interessante, ingresso a offerta libera.
lasciato Chilecito proseguiamo per Belen, il caldo, circa 38°, ci tiene compagnia. facciamo una deviazione di 5 km. per raggiungere il sito archeologico Inca di El Sinchal. sotto il sole delle 13! Il sito é piccolino ma ben tenuto ed in parte ricostruito. Salendo sopra uno dei tempi si gode un bel panorama. Costo per l’ingresso 5 pesos. Verso le 15 arriviamo a Belen il caldo é …… caldo 39°! Proviamo ad andare all’hotel Belen ma é pieno ci viene consigliato l’hotel Angelica che si rivela carino, pulito, tranquillo ed economico,130 la doppia e 80 la singola con colazione e wifi. Tutto il paese, nel pomeriggio, fa la siesta visto il gran caldo e noi ci adeguiamo. Usciamo verso le 19 per vedere il paese che si rivela meno interessante di Chilecito ma ospita una serie di artigiani che producono tessuti di vigogna ed altri articoli di buon gusto e fattura. Ceniamo da Jeremias parrilla,General Roca 94 un bel locale un pò fuori dal centro non proprio economico ma di ottima qualità. Speso 223 pesos.
Dopo aver messo un pó di benzina partiamo alla volta di Cafayate 230 k circa dove dovremmo passare l’ultimo giorno dell’anno. La ruta 40 é spesso sterrata anche se ben battuta ,si viaggia al max a 60 k/h. il panorama varia da montuoso a brullo e desertico. Le sierras ai lati ci tengono compagnia. Facciamo una deviazione di 5 km per andare a vedere il sito indio di Quilmes, distrutto dagli spagnoli, ingresso 10 pesos. Un bel mix di pietre e cactus cardones.

Arriviamo a Cafayate nel primo pomeriggio. Troviamo posto all’ hotel El Hospedaje molto carino costruito come una casa coloniale spagnola con le stanze che si affacciano su un patio e sulla piccola piscina. Stanze ben arredate e spaziose. 250 pesos a notte senza colazione e wifi un pò scadente. Dopo un bagno in piscina facciamo un giro per il paese che si rivela meno interessante di altri. Poche le case coloniali molti hotel e negozi di artigianato dozzinale. Molte anche le aziende vinicole, qui si produce dell’ottimo vino Torrentes, che offrono degustazioni ma , visto il gran caldo lasciamo perdere. Cerchiamo, invece, un ristorante per la cena visto che é il 31 dicembre ….. l’impresa non é semplice visto che molti locali saranno chiusi, alcuni apriranno il 1° gennaio a pranzo ed altri faranno il cenone. Per fortuna il ristorante La Estancia, sulla piazza principale, fa servizio normale ma vuole la prenotazione ed una caparra. La cena non si rivelerà niente di particolare le porzioni piuttosto misere, visti gli standard argentini, la carne é dura i contorni da pagare a parte, il vino suggerito con insistenza ha prezzi alti. Sicuramente una cena non memorabile. A causa di un temporale rientriamo presto in hotel e aspettiamo la mezzanotte guardando la tv.

Ci svegliamo presto, per evitare il caldo,e svegliamo anche il proprietario che gentilmente ci prepara la colazione e non cela fa pagare. I tempo é brutto e ci sono solo 16°. Decidiamo di abbandonare, per oggi, la routa 40 per la 68 Cayate / Salta, 189 km, e vedere la quebrada de las concas. La strada é asfaltata ma a causa delle piogge in alcuni tratti l’acqua corre in abbondanza sui lati invadendo le corsie. In molti punti bisogna guadare il fiume di fango che arriva dalle montagne. Pietre sono sparse ovunque. In un punto , dove l’acqua ha scavato un guado molto profondo dobbiamo attendere l’arrivo di una ruspa che ripulisca il guado per poter passare. Il paesaggio é però spettacolare, alte montagne di arenaria rossa modellate dal vento e dalla pioggia ci regalano panorami unici. Ci fermiamo, per ammirare da vicino l’anfiteatro e la garganta del diablo. il posto é bellissimo peccato non ci sia il sole! Arriviamo a Salta verso le 13 dopo aver girato alcuni hotel decidiamo per i Munay hotel di av Sant Martin 656. molto carino, pulito con stanze sufficientemente grandi, garage vicino e wifi. E’ periodo di promozioni e la stanza doppia, che normalmente é a 280 ci viene offerta a 240 compreso il garage che ne costa 40! anche la singola passa da 190 a 140! Un affare! Facciamo un bel giro per la città ancora deserta, e sporca dopo i festeggiamenti del 31. Purtroppo i vari musei sono chiusi e rimandiamo la loro visita per quando ripasseremo di qui al ritorno del nostro tour. Un pó per volta la città si sveglia e verso le 18 i bar riaprono e verso le 20 anche i locali della zona della movida salteña, in paseo Balcarce, iniziano ad aprire i battenti. ceniamo in una bellissima casa coloniale adibita a ristorante “La pasionaria” gestito da un gruppo di giovani simpatici ed entusiasti. Il posto oltre ad avere la sala ristorante ha una zona “salotto” dove prendere anche solo un aperitivo ed un bellissimo giardino interno per cenare all’aperto. Piatti regionali e nazionali prezzi nei canoni di Salta. 285 pesos per empandas, provola alla plancia, il mambrito, un pezzo di carne un pò particolare filamentosa, che da noi si usa per il bollito, ma molto gustoso, 2 insalate una patata fritta un litro di birra Salta, che non é niente di particolare, una mezza bottiglia di ottimo Torrentes. da segnalare che il coperto, che si paga ovunque e che spesso non é segnato sul menù, era di 7 pesos a testa. Dopo cena facciamo un giro per il quartiere perché volevamo sentire la musica del posto le Penas ma vediamo, da fuori, solo esibizioni di ballerini che si esibiscono nella Chacarera il ballo folkloristico nazionale. Non molto entusiasti decidiamo di lasciar perdere.
Questa zona di Salta, dove si trova anche la stazione da dove parte il ” tren des nubes” é molto simpatica esclusivamente un concentrato di ristoranti e locali notturni per tutti i gusti dove si puó far casino senza problemi.

Il tratto Salta – Purmamarca è km150 di strada asfaltata ma con salti e un pò stretta con molte curve. Il panorama montano è molto verde con vegetazione molto fitta detta “la cornisa”. Molto bella la vista su Embalse Las Maderas una grande diga. Dopo Jujui facciamo una deviazione per visitare Purmamarca, che é un piccolo villaggio molto carino che vive di turismo. Ci sono, infatti, molte bancarelle tutte intorno alla piazza e tanti negozietti che vendono artigianato locale di buona qualità ma a prezzi un pó alti. Facciamo la passeggiata intorno al cerro dei 7 colori. Il paesaggio é bellissimo le montagne hanno davvero tante sfumature alcune di viola’ altre di verde altre ancora passano dal viola al verde al rosso. Veramente spettacolare. Proseguiamo per Humahuaca che dista da qui 70 km circa. Sulla strada ci fermiamo a Tilcara, altro caratteristico paesino andino turistico ma affascinante. Da qui raggiungiamo il sito archeologico inca di Pucarà 2460 mt. restaurato negli anni 50, sembra un pò finto ma é immerso in una meravigliosa natura dominata dai cactus cardones e dalla sua posizione si gode uno spettacolo talmente bello che lo rende affascinante. Per l’ingresso ci sono tre tariffe 15 pesos per gli argentini; 20 per i sudamericani e 30 per gli altri. Proseguiamo per Humahuacha dove ci fermeremo per la notte. Il paesino, a quasi 3.000 mt di altezza, é veramente carino con le sue strade lastricate e le vecchie indie che vendono foglie di coca. Dominato da un imponente monumento agli eroi dell’indipendenza degno di una capitale ha anche delle belle piazzette, un bel mercato e tante bancarelle di artigianato locale meno pretenziose di quelle di Pummamarca. Ci fermiamo all’hosteria Naty in calle Buenos aires 488 un posto decoroso ma basic che peró ha anche il wifi! 160 pesos la doppia e 90 la singola garage incluso. Stanze non molto grandi ma pulite e titolare molto cordiale. Ceniamo al ristorante El Portillo con piatti regionali assaggiamo il prosciutto di lama, morbido ma un pò salato, buoni i gnocchi fatti con le piccole e gustose patate andine al ragù, buono anche il sottofiletto di lama al pepe e una delicata salsa il bife de lomo con verdure in agrodolce e un flan di pan. Buono anche il vino rosso locale. speso 282 pesos.

Oggi andremo a vedere le saline argentine del Gran Salar, al mattino ci sono 8°! sulla strada del ritorno verso Purmamarca incontriamo anche la nebbia! Lo spettacolo delle montagne multicolore della quebrada ci entusiasmano di nuovo. Ripassiamo il tropico del capricorno mentre guardiamo i contadini riempire le cassette di ravanelli appena raccolti. A Purmamarca riprendiamo la ruta 40 in direzione Susque, salvo poi, dopo 57 km deviare verso San Antonio de los Cobres. La strada é tutta a curve dobbiamo salire da 2300 a 4170 mt! Lo spettacolo delle montagne é incredibile come lo é pure la vista delle saline dall’alto. Le saline si trovano a 3700 mt il loro candore con il riflesso del sole abbaglia chi non ha gli occhiali da sole. E’ quasi irreale camminare su questo spesso strato di sale. Torniamo indietro di pochi km per riprendere la routa 40, che in questo tratto é completamente sterrata per arrivare a San Antonio. La strada costeggia per un pezzo il salar ma il suo toule ondulé non ci fa andare a piü di 40 all’ora ed i km sono una novantina! Il panorama é una brulla distesa di terra salata con gruppi di asini e guanachi che mangiano cespugli spinosi sullo sfondo le Ande. Arriviamo a San Antonio de los Cobres dopo 3 ore di questo pessimo sterrato abbastanza stanchi. Il paesino é veramente bruttino, sembra disabitato. Visitiamo quasi tutti gli hostal che ci sono, che sono veramente squallidi, non riuscendo a trovare l’hotel des nubes citato dalla guida perché pare che nessuno lo conosca. Ci fermiamo, alla fine, all’hosteria El Aujero un posto carino con 7 stanze, che si affacciano su un cortiletto interno, grandi e pulite tv e wifi a 220 pesos colazione e parcheggio, nel cortile, per l’auto. Un giro per il paese non rivelerà nulla di interessante. Questa é l’ultima fermata del treno delle nubi che peró arriva ormai solo una volta a settimana ed una base di addestramento montano, siamo a 3700 mt, per l’esercito argentino. Ceniamo in hotel con buoni piatti a base di carne di lama l’immancabile milanese, uno stufato con le lenticchie. una mega frittella di patate e formaggio di capra e un dolce di puré di mais uvetta e limone delizioso. per184 pesos. Di notte qui la temperatura si abbassa di molti gradi arrivando a 5 percui nelle stanze si trovano coperte pesanti.

Partiamo da San Antonio de Los Cobres che ci sono 11°! la strada che ci riporterà a Salta é quella che costeggia il percorso del tren des nubes. La prima parte é sterrata per 20 km paesaggio incredibile ad un altezza di 3700 mt. un altipiano immenso con asini e lama al pascolo. Però la strada delle nuvole si rivela meno spettacolare del previsto, forse fatta col treno é un’altra cosa. Bellissime le montagne di roccia costellate di cactus cardons che introducono la quebrada del Toro che si rivela, invece spettacolare con le sue montagne multicolore da una parte e quelle erose dal vento e dall’acqua in forme suggestive, dall’altra. Ad una cinquantina di km da Salta la strada ridiventa sterrata per una decina di km. arriviamo a Salta all’ora di pranzo e, lasciati gli zaini al simpatico Munay hotel, mangiamo delle ottime empanada lì vicino e percorrendo le vie pedonali/commerciali del centro arriviamo nella bella piazza principale dove visitiamo la casa della cultura americana, dove c’é una mostra di presepi, ingresso libero, il MAAC museo archeologico di alta montagna veramente ben allestito con la storia del ritrovamento di 3 mummie di bambini inca ed il loro sacrificio. Bellissimi i reperti delle minuscole bamboline con viso in oro e piume corredo dei defunti, ed un pó inquietante la mummia, molto ben conservata, del più piccolo dei bimbi sacrificati. 30 pesos a testa. Per finire il MAC museo arte contemporanea, 2 pesos, con singolari pezzi di artisti argentini. Dopo aver vagabondato fino al rilassante parco, da cui parte la cabinovia che porta su una collina che domina la città, 35 pesos, facciamo acquisti nel mercatino che qui si trova e che, a nostro parere ha i prezzi più bassi mai trovati fino ad ora, si trova in paseo san martin all’inizio dell’omonima avenida. Ceniamo da Dona Salta. Cordoba 37, citato in guide e racconti di viaggio. É sicuramente un posto per turisti, i camerieri sono vestiti da gaucho, i prezzi sono appena sopra la media ma il cibo é buono e le porzioni abbondanti. Assaggiamo il Locro, zuppa di mais bianco secco, zucca, fagioli e carne di maiale la Carbonada zuppa di zucca mais bianco carne di manzo entrambe buonissime un bife de chorizo molto tenero proviamo un empanda. vanto del locale. decisamente buona. proviamo la birra Salta scura, perché la chiara non ci aveva soddisfatto, ma nemmeno questa ci piace. ed un quarto di vino bianco per 274 pesos. Apro una parentesi su birra e vino abbiamo assaggiato la Quilmes e la Salta sia nella versione chiara che scura l’unica a nostro giudizio che si salva e la Quilmes scura. Le birre argentine non sono di nostro gradimento e non sono nemmeno a buon mercato, sui 30 pesos al litro. Lo sono invece i vini tutti ottimi, che costano poco di più.

Oggi, 5/01/13 inizia il viaggio di ritorno verso Baires direzione Tucuman. Usciamo da Salta e con un pò di difficoltà il navigatore non é aggiornato e non conosce le nuove strade, per fortuna i Salteñi sono gentili, come tutti gli argentini conoscuti fin’ora, e ci danno le giuste indicazioni. L’autopista per Tucuman, 280 km circa, costa prima 2.5 e poi 4 pesos in alcuni punti l’asfalto non é il massimo ma pazienza. Il paesaggio circostante é di una bella vegetazione rigogliosa, passiamo per Tucuman, che nelle guide viene descritta come poco interesaante, invece a noi é parsa carina con bei palazzi coloniali e sopratutto molto verde ha infatti un parco immenso. In direzione Santiago dell’Estero, decidiamo di fermarci alle terme di Rio Hondo, pagiamo altri 2 pedaggi autostradali di 4 pesos l’uno. aumentati di 0,50 pesos rispetto a qualche giorno fa… ma era il 2012…..Le terme sono a 60 km da Tucuman e 80 da Santiago. Arriviamo nel primo pomeriggio nella sonnolenta, caldissima e ventosa, 37°, Rio Hondo. L’estate non é stagione di terme e molti hotels e negozi sono chiusi. Andiamo direttamente all’hotel Siglo Sexto in calle Solano 256, visto su internet ieri sera ed aperto tutto l’anno. La proprietaria é una signora italiana molto gentile che a causa del fatto che l’hotel é in ristrutturazione ci fa uno sconto e paghiamo 150 pesos a persona con colazione e chocera, garage per l’auto. L’hotel é carino ha una bella hall e le stanze hanno una bella vasca da bagno per poter usufruire dell’acqua termale autonomamente. Sul tetto una piccola piscina termale e una mini spa. Abbiamo visionato anche il vicino hotel San Felipe che ci aveva fatto un prezzo più o meno simile (200 la singola e 280 la doppia) e che offriva una piscina molto più grande con un ampia zona solarium ma le stanze erano troppo anguste e i bagni lillipuziani. Rio Hondo si rivela una bella cittadina per vacanze tipo quelle della riviera romagnola. Gli alberghi non si contano, due casinò, un teatro, un mega cinema. un bel parco. Verso le 19 iniziano ad aprire i negozi che chiuderanno dopo le 22 e il posto si anima con molte famiglie a passeggio a prendere un pò di fresco. Anche i ristoranti iniziano ad allestire i tavoli in attesa dei clienti che non arriveranno prima delle 21.30. Unico problema, che é comune in tutta l’Argentina, sono i cani randagi. ce ne sono molti, ovunque. Per fortuna non sembrano aggressivi ma…. A Salta ho visto un comitato che nella zona pedonale raccoglieva firme per ucciderli, anche qui a Rio Hondo ce ne sono parecchi che si muovono sia in branco che da soli. Ceniamo con una buona pizza, un tamales, involtino a base di carne e mais avvolto in una foglia di mais e bollito, insalata merluzzo in umido e vino bianco il tutto per 185 pesos alla Pizzeria Caseros in calle Caseros 26.

Il mattino del 6/01 sulla strada per Santiago dell’Estero inizia a piovere… giornata uggiosa. Siamo diretti verso Ceres, cittadina non considerata dalla guide, per il viaggio di ritorno verso Baires non abbiamo ancora le idee molto chiare….. passiamo dentro Santiago per vedere quella che viene definita ” La madre de le ciudad” é domenica mattina e la città é deserta. Non ci entusiasma particolarmente e proseguiamo per la routa national 34 che é a pagamento, 5 pesos il primo pedaggio. Sulla strada, all’ingesso della cittadina di Pinto ci fermiamo in un comidor dove mangiamo delle ottime milanesi e dei gustosi ravioli per 115 pesos. Arriviamo nella sonnolenta cittadina di Ceres in orario di siesta. Qui il caldo umido é fastidioso e ci rilassiamo un pò all’hostal Reama in av. de Mayo, dopo aver fatto il giro delle poche strutture alberghiere del posto ed aver scoperto che hanno prezzi da grande città. Il Reama costerebbe 300 pesos ma ci fa 270 la doppia e 180 la singola. non é niente di speciale, anzi, stanze piccole con odore di fumo ma é pulito ed ha pure il wifi.Verso sera facciamo il giro del paese che si rivela molto pulito e ricco, a vedere le vetrine dei negozi, é l’ora delle vasche in auto e moto per la via principale. Tutti incolonnati vanno pianissimo avanti ed indietro salutando chi passeggia o chi é seduto al bar. Ceniamo benissimo “Al Toke” comida casera ,av de mayo 753 tel. 422694 con del bife de quadril e del mambrito alla pizzaiola con puré e un buon flan. 178 pesos vino compreso. Conosciamo lì una coppia del posto che incuriosita ci chiede da dove veniamo…. é l’inizio di una simpatica chiacchierata che terminerà con un invito a casa loro l’indomani che però doppiamo declinare.



Il viaggio verso Santa Fé inizia quasi subito col pagamento di in pedaggio di 5 pesos. Il panorama é di una campagna sconfinata macchiata di animali al pascolo. Questa é la zona agricola dell’Argentina. Arriviamo a Santa Fé passando su un bel ponte sul Rio Paranà e la vediamo passandoci in auto e fermandoci nella piazza principale dove si trovano dei bei edifici. Per raggiungere Paranà, che dista 30 km, dobbiamo percorrere un tunnel che passa sotto il fiune di 2,5 km e che costa 7 pesos. A Paranà ci fermiamo al delizioso hotel boutique Las Mañanitas, calle Carbò 62. Piccolo hotel con una decina di stanze molto carino e ben arredato con un piccolo cortile interno con piscinetta e zona solarium. Titolare gentilissimo e simpatico. wifi 250 la doppia e 150 la singola garage vicino a 50. Unico neo la colazione un pò scarsa. Dopo esserci rinfrescati in piscina ci sono 35°, nel tardo pomeriggio visitiamo Paranà. che é una bella cittadina con case coloniali un’imponente chiesa dedicata alla Madonna del Rosario, una zona pedonale/commerciale ed un bellissino parco sul lungofiune denominato, come in altre località, Costanera. Nella piazza principale c’é l’ufficio del turismo che ci da indicazioni per visitare l’indomani il parco del predelta. ceniamo al Liverock, con vista sulla piazza principale con piatti di carne e pesce per 201 pesos.

8/01/13 per la routa 11 ci dirigiamo verso Diamante a 5 km a sud del quale c’é il parco. siamo nella regione di Entre Rios. Diamante dista solo 40 km da Paranà ed in poco tempo siamo in questa piccola cittadina. ci rechiamo subito all’hotel trovato sul web la sera prima per chiedere sa ha delle stanze. l’hotel, El Portal calle Echengue 110, é pieno ma in tarda mattinata si libererà qualcosa. trattiamo sul prezzo, da 310 scendiamo a 250 per la doppia, lasciamo gli zaini, acquistiamo qualcosa per il pranzo e facciamo i 6 km che ci separano dal parco. Il parco nazionale pre-delta é ad ingresso gratuito e si sviluppa intorno ad un affluente del Paranà. Ha un piccolo circuito di un km che permette di vedere alcune specie di uccelli e, se si é fortunati, animali come le nutrie e i capibara. Il posto é rilassante, zanzare a parte, offre una bella zona picnic con tanto di barbecue per l’immancabile asado. Passeggiamo un pò e ci rilassiamo osservando i vari tipi di uccello che si avvicinano in cerca di cibo.
Rientriamo in paese ed in hotel per sistemare i bagagli. Le stanze sono spaziose pulite l’unico neo e che la colazione é predisposta in camera con bollitore caffé solubile ed un solo biscotto farcito a testa! Poi andiamo in esplorazione. Scendiamo al fiume ad osservare i pescatori e facciamo un bel giro per il paese che non offre grandi cose ma é tranquillo con abitanti molto socievoli, molti con avi italiani, che chiacchierano volentieri. Ceniamo alla Nuova Estancia, all’angolo tra 9 de Julio e Urquiza, ottimi bife de chorizo e milanese con contorno assaggiamo anche del buon salame e vino per 210 pesos.
Oggi raggiungiamo di nuovo Rosario, percorriamo la routa 11 passando per Victoria. Il paesggio é un immensa distesa, un mare direi, di campi coltivati che poi si trasforma in un immenso delta con piante, isole formate da piante galleggianti, fiumiciattoli, mandrie al pascolo e tanti uccelli. La strada costruita in rilevato per salvaguardarla della piene del fiume, é un ottimo punto di osservazione. Arrivati a Rosario ci sistemiamo nuovamente all’hotel Colonial in Maipu 1523, 300 la doppia 45 la choceria e 240 la singola Facciamo in giro per Rosario fino al lungofiume all’imbarcadero da dove partono i battelli per l’isola (35 pesos a/r) che é la spiaggia della città. tantissime persone sono in coda equipaggiati con sedie a sdraio e borse frigo per trascorrere una piacevole giornata. Noi, non essendo attrezzati decidiamo di tornare alle 18 per fare il giro delle isole con un grande gommone (120 pesos). Giriamo un pò per il centro della città passando per il gigantesco monumento alla bandiera, già visto all’andata. Fa molto caldo così torniamo in hotel per poi uscire per recarci nuovamente al fiume ma arrivati qui scopriamo che sul gommone c’é solo piü un posto…..non é giornata! Sapendo che anche a Rosario il tango é parecchio diffuso chiediamo se ci sono milonghe questa sera, mercoledì’ e veniamo a sapere che ce ne sono ben tre di cui una vicino all’hotel. Ceniamo al Ristorante “la chernia. el chucho y la chioiga” (av de rosa ang. Mendoza) specializzato in pesce. Il posto é molto accogliente ed arredato come un risto del 1900. personale gentile buone porzioni prendiamo una zarzuela de pescado per due e il risotto al nero con le cozze. tutto squisito. anche il dolce un bel piatto con flan dulce de leche gelato e tortina non smentisce ottimo il vino. speso 339 pesos. Sono le 23 ed andiamo a cercare la milonga che si trova quasi dietro al ristorante. Vediamo che é ospitata all’interno di in circolo ” Ciculo uficiales de mar” ci accoglie una gentile signora che ci chiede da dove veniamo e ci fa accomodare. ( ingresso 25 pesos) nemmeno il tempo di cambiarci le scarpe e il musicalizador,il dj della milonghe, si avvicina per salutarci e darci il benvenuto. mi invita anche a ballare e dopo di lui altri in un susseguirsi di piacevoli chiacchiere e tanghi intensi, rientriamo che son quasi le 2 dopo una bellissima serata!

Partiamo un pò più tardi del solito verso San Antonio de Arecos, 200 km circa da Rosario, la terra dei gauchos. terreni coltivati e mandrie di mucche ci accompagnano fino a San Antonio. Qui dopo aver girato un pò per i sensi unici che contraddistinguono tutte le città dell’Argentina, raggiungiamo l’hostal de Areco, calle Zapiola 25, un bella casa con stanze ampie che si affacciano su un bel giardino, colazione, posto perl’auto e wifi, ma solo nella hall, per 220 la doppia e 180 la singola. San Antonio é una bella e tranquilla cittadina a 115 km da Baires molto frequentata nei weekend con parecchie attività ricettive e molte estancia di buon livello nei dintorni. in questa terra di gaucho sono molti gli artigiani che lavorano il cuoio ma anche l’argento visitiamo parecchi bei negozi. Vediamo anche il museo dei gaucho che però in parte é chiuso per restauri e che ci delude un po’. Ceniamo a La Arcadia, calle Alsina 6, suggeritaci dalla padrona dell’hostal. Abbiamo mangiato bene 2 bei bife de chorizo una provoleta una tortilla acqua e birra per 240 pesos.
Nell’avvicinarci alla capitale decidiamo di passare per Lujan dove c’é un santuario dedicato alla Madonna e meta di pellegrinaggi da tutto il paese. La chiesa, molto imponente costruita nel 1800 sulla falsariga di famose chiese gotiche famose, domina un immenso piazzale all’interno la piccola statua della vergine che arriva dal Brasile e custodita in una teca. Interessante il piccolo museo di madonne da tutto il mondo.
Prendiamo l’autopista per Baires, che ci costerà 24 pesos, lasciamo i bagagli al “Grand Hotel Hispano” sull’avenida de Mayo 861, davanti alla fermata Pedras della Subte la metro di BA. Il nome non tragga in inganno non é un grand hotel ha solo un due stelle super ma è dotato di ogni confort. Ho la particolarità che tutte le camere si affacciano su un cortile interno il palazzo é degli anni ‘50 ed é centrale costo 390 a notte che diventano 350 per il pagamento cash che poi saranno 330 visto che ci fermiamo 6 notti! Riportiamo l’auto all’Avis paghiamo i 1300 km extra e ci buttiamo nel caos di BA. Siamo alla ricerca di scarpe da tango. Abbiamo un bell’elenco ed iniziamo da quelli in Sulpacha, molto vicini all’hotel ma senza risultati. Ci spingiamo in altri quartieri fino al, per me magico, “comme il faut” dove avrei comprato tutte le scarpe! I prezzi sono più bassi che in Italia ma non eccessivamente. Comprate le scarpe, 110 euro circa, torniamo in hotel per poi riuscire per cena. Direzione il quartiere di Palermo dove abbiamo un appuntamento alla famosa milonga “Salon canning” con un amico, maestro di Tango. Con la metro raggiungiamo la Scalabrini Ortiz e ceniamo, a base di pizza in piccolo posto dove la pizza é molto buona Orgullo in Paraguay 4061. Arriviamo in milonga per fortuna con largo anticipo rispetto all’appuntamento e troviamo ancora tavoli liberi a cui sederci. In breve tempo il posto si affolla. Riusciamo a ballare qualche tanda prima che sulla pista non ci si possa più muovere. Vediamo il nostro amico e due esibizioni di coppie molte brave, poi verso le 3 con un taxi, 50 pesos. rientriamo.
Sabato la città risulta semideserta. Pochi i negozi aperti, alcuni solo fino alle 13, poca gente in giro poco traffico. Con un bus andiamo alla Boca a vedere il famoso Caminito. arriviamo che le bancarelle non erano ancora montate ed i turisti ancora latitanti. Il posto é carino con le case ricoperte di lamiere ondulate di colori vivaci ma presto si trasforma in un grande mercato all’aperto con tangueri che si esibiscono e si fanno fotografare con i turisti e negozietti che vendono tutti gli stessi souvenir…. rientrati in hotel decidiamo di andare alla milonga temprana della Confiteria Ideal, magnfiico palazzo liberty in Sulpacha, scoprendo che è possibile fare anche lezione e cosi con 45 pesos a testa facciamo lezione un ora e 1/2 con una brava insegnante da soli. A sera siamo distrutti e dopo un abbondante cena in un self sevice in Rivadavia 1111 andiamo a letto.

La domenica é dedicata ai mercatini il primo é quello famoso di San Telmo, piazza Dorrego, che è principalmente un mercatino di antiquariato. Ci sono sicuramente delle belle cosa ma mi é parso un pò caro. Proseguimo fino a Belgrano con un bus che ci fa visitare anche un bel pò di BA. Qui poche bancarelle, ancora da allestire e sono quasi le 14! Il genere é artigianato monili e cose di pelle. Il bus ci lascia alla stazione ferroviaria di Belgrano da dove inizia il quartiere cinese, con tanto di porta a forma di pagoda e dragoni, facciamo un rapido giro nella via piena di ristoranti e negozi che vendono di tutto. Prendiamo un altro bus ed arriviamo a Palermo Vejo in piazza Serrano dove altre bancarelle artigianali aspettano i turisti del pomeriggio. Compriamo, finalmente, una tessera SUBE costo 20 pesos che fa risparmiare sul prezzo dei bus ed evita i problemi con le monete e si può caricare con la cifra che si vuole in un sacco di posti. Non riusciamo a vedere la Casa Rosada perché…. poco attenti alla lettura ci è sfuggito che è aperta al pubblico solo il sabato e la domenica. Con un bus andiamo in zona Recoleta a cenare al “famoso” ,tra i viaggiatori, ristorante Las Cholas calle Arce 306 dove mangiamo molto bene, provoleta grigliata, colita de quadril, arroz de estancia più birra per 170 pesos. Un prezzo decisamente buono. Il cameriere, molto gentile, ci indica anche una milonga abbastanza vicina la “La milonguita” in Jorge Newbery 2818 che si rivelerà un posto molto grande frequentato da ballerini molto bravi. Costo 35 euro la coppia dopo le 23. I prezzi delle milonghe vanno dai 25 ai 40 pesos a persona, dipende dal giorno della settimana. I giorni si susseguono tra giri per la città alla ricerca di scarpe da tango, i loro prezzi, sia da uomo che da donna, vanno dai 600 agli 850 pesos, e scoperta della stessa, come le belle case dipinte della zona Gardel Anchorema, centro commerciale Abasto, quella degli outlet in Aguirre, i giardini Ricoleta i ristoranti di Belgrano, la zona centrale di Plaza de Mayo e le milonghe “Aires Tanguero”, la piccola Milonga, in Rivadavia 1392, “Porteño y Bailarin” in Riobamba 345 e lezioni di tango. Ceniamo ottimamente, e più sere di seguito, in un piccolo ristoro casero tra Rivadavia e Salta “El Belicho” con piatti a base di carne non spendendo mai più di 90 pesos, il caffè viene sempre offerto! Un posto fantastico.
Buenos Aires e l’Argentina che abbiamo visitato ci sono piaciute molto. Abbiamo ancora molto da vedere percui… torneremo presto!

Appendice: Anche se so che non interesserà i più ho stilato un piccolo elenco di negozi di scarpe ed accessori per il tango. Per comodità, visto che Buenos Aires è piuttosto vasta, l’ho raggruppato per vie/zone.

MICROCENTRO:

Alanis – E’ spesso chiuso percui non andateci apposta (scarpe da donna)
Diagonal Norte 936 Diagonal Norte 936
downtown near the obelisk centro vicino l’obelisco
mon-fri 10am-7:30pm / sat 11am-3pm lun-ven dalle 10 alle 7: 30pm / sab 11:00-03:00

Bailarin Porteño Todo Tango Shoes ~ mostly women’s shoes, some men’s – Quasi esclusivamente scarpe da donna
Suipacha 245 loc. Suipacha 245 loc. 2 2
San Nicolas downtown near the obelisk centro vicino all’obelisco
4328-9083 mon-fri 11am-7pm / sat. lun-ven 11:00-19:00 / sat. 10:30am-1pm 10:30-13:00
calzadosavalos@argentina.com.ar calzadosavalos@argentina.com.ar
http://www.calzadosavalos.spaces.live.com http://www.calzadosavalos.spaces.live.com

Bailarin Porteño – donna & uomo
Suipacha 251Suipacha 251
San Nicolas downtown near the obeliskcentro vicino all’obelisco
4390-4067mon-fri 11am-7pm / sat.lun-ven 11:00-19:00 / sat. 10:30am-1pm 10:30-13:00
bailarintango@yahoo.com.ar

Scarpe Mahara – solo Donna molto comode
Suipacha 252 Suipacha 252
San Nicolas downtown near obelisk mon-fri 11am-7pm / sat.lun-ven 11:00-19:00 / sat. 10:30am-1pm 10:30-13:00

Centro Artesanal del Tango ~ men’s & women’s tango shoes (I have found nice things there) Centro Artesanal del Tango – donna & uomo
Suipacha 256 Suipacha 256
San Nicolas downtown near the obelisk centro vicino all’obelisco
4326-5377 mon-fri 11am-7pm / sat.lun-ven 11:00-19:00 / sat. 10:30am-1pm 10:30-13:00
http://www.tangovipshoes.com

DarCos Tango (I love these because they have nice padding in the ball of the foot)
Darcos Tango – donna & uomo e abbigliamento
men’s & women’s shoes / clothes / music / souvenirsSuipacha 259Suipacha 259
San Nicolas downtown near the obeliskcentro vicino all’obelisco
mon-fri 11am-7pm / sat.lun-ven 11:00-19:00 / sat. 10:30am-1pm 10:30-13:00
4326-2032 / 4390-4067 / 4390-4068info @ darcostango.cominfo @ darcostango.com
http://darcosdanceshoes.com/

Flabelli
Suipacha 263Suipacha 263 – solo donna di tutti i colori
San Nicolas downtown near the obeliskcentro vicino all’obelisco
lun-ven 11:00-19:00 / sat. 10:30am-1pm 10:30-13:00
info@flabella.cominfo@flabella.com
www.flabella.com

Mirtha Paulo Mirtha Paulo – solo donna
Esmeralda 461 Esmeralda 461
San Nicolas downtown near the obelisk centro vicino all’obelisco
4328-5970 mirthapaulo@hotmail.com mirthapaulo@hotmail.com

DNI Tango – Prevalenza di scarpe da uomo
DNI #1 Corrientes 2140 DNI # 1 Corrientes 2140
downtown centro
4952-1688 Showroom@dni-tango.comShowroom@dni-tango.com
http://www.dni-tango.com/

Tango Leike ~ mostly women’s tango shoes & clothes Tango Leike – donna/uomo e abbigliamento
Sarmiento 1947 SHOWROOM en Hipolito Hirigoyen 1516, 3ºI.
Abierto del lunes al viernes de
10h30 a 19 y sábados de 11h a 16h.
http://www.tangoleike.com/

ABASTO
Lolo Gerard ~ uomo e scarpe da tango donna
Tomás de Anchorena 607 Anchorena 607
Abasto downtown Abasto centro
mon-fri 11am-8pm / sat. lun-ven 11:00-20:00 / sat. 11am-6pm 11:00-06:00
info@lologerard.com info@lologerard.com
http://www.lologerard.com

Mala Yunta
Anchorena 563 Anchorena 563
Abasto Abasto centro
4867-2457 4867-2457
malayunto04@ciudad.com.ar

Susana Artesanal – solo donna
T. de Anchorena 537 Jean Jaures 465
Abasto downtown Abasto centro
4865-3713
http://www.shoes-susanaartesanal.com

MadreselvaTango8 ~ men’s & women’s shoes & sneakers, clothing, music, accessories Tango8 ~ uomo e scarpe da donna e scarpe da ginnastica, abbigliamento, musica, accessori
Lavalle 3801 Lavalle 3801 – centro
Anchorena 602 Anchorena 602 – abasto Abasto
4864-0471 mon-fri 11am-7pm lun-ven 11:00-19:00
http://www.tango8.com

Madreselva
Corrientes 3190 first floor Abasto Plaza Hotel Corrientes 3190 primo piano Abasto Plaza Hotel
Abasto downtown Abasto centro
6311-4412 mon-fri 3-8pm lun-ven 3-08:00
info@madreselvazapatos.com.ar
www.madreselvazapatos.com.ar

RECOLETA

Raquel Calzado Fino ~ men’s & women’s tango shoes Raquel Calzado Fino – Uomo e donna
Arenales 1974 third floor Arenales 1974 al terzo piano
Recoleta Recoleta
4816-6476 / 15-3178-2514 (celular) mon-fri 1pm-7pm / sat 11am-4pm lun-ven 13:00-19:00 / sab 11:00-04:00
http://www.raquel-shoes.com

Taconeando – Solo donna
Arenales 1606 Arenales 1606
Recoleta Recoleta
4811-5391 mon-fri 10am-8pm / sat. lun-ven 10:00-20:00 / sat. 10am-3pm 10:00-03:00

Comme il Faut (Sadly, these are, for me, best for sitting down, but they are gorgeous!) Comme il Faut – Bellissime scarpe da donna
Arenales 1239, Puerta 3, Dto. Arenales 1239, Puerta 3, Dto. M (upstairs) M (al piano superiore)
mon-fri 11am-7pm / sat. lun-ven 11:00-19:00 / sat. 11am-3pm 11:00-15:00
zapatoscommeilfaut@hotmail.com zapatoscommeilfaut@hotmail.com
http://www.commeilfaut.com.ar

PALERMO

2X4 al Pie – Solo uomo
Av Scalabrini Ortiz 1753 (Palermo)
DTO 3 (Timbro bianco)
Lunes a Viernes de 14 a 19hs.
Sábados de 15 a 19hs.
info@2x4alpie.com
http://www.2x4alpie.com

GretaFlora – Solo donna
Acuña de Figueroa 1612 , CP 1180
Palermo Soho – Buenos Aires – Argentina
Lunes a Viernes 11 am a 7 pm
Sábados 11 am a 7 pm
info@gretaflora.com
http://www.gretaflora.com/

Potete vedere le foto dei viaggi di Virna e molto altro sul suo sito www.virna.it

Il Viaggio Fai da Te – Hotel consigliati a Cuba
Autonoleggio – Noleggio Auto Low Cost in Italia
Acquista guide turistiche a prezzi scontati su Amazon.it

 
Commenti

Nessun commento