Road to Monte Rosa

di Stefania Grasso – 
Diceva sempre mio padre negli ultimi anni della sua vita. “Da morto avrò una bella vista”, lui che aveva scalato le più belle cime delle Alpi, lui che amava così tanto la montagna e la fotografia. Non aveva tutti i torti. Quando vado in queste strade di campagna penso sempre a quella frase nelle giornate dell’anno più limpide e romantiche.

Ci troviamo a Prarolo, un piccolo paese a pochi chilometri da Vercelli, nel bel mezzo delle risaie. 

foto di Stefania Grasso

 

Dalle inquadrature finora realizzate ritengo che per fotografare il Monte Rosa a 360 gradi, a parte dall’aereo in decollo da Malpensa, Prarolo sia davvero il luogo migliore. In qualsiasi stagione dell’anno.

Tra le risaie allagate in primavera, all’inizio dell’estate con lo sfondo delle catene ancora innevate, al tramonto in autunno. In questo modo la campagna attorno alla città offre una via di fuga dalla monotonia, dal caos, dalla malinconia e la solitudine diviene la migliore amica attorno al silenzio e alla pace.

In giornate così luminose è facile scorgere a lato del Monte Rosa la cima del Cervino che ora appare ai nostri occhi così piccolo, pensando alla Sua sublime Maestà quando ho la fortuna di essere a Cervinia, nel Suo Regno. Ecco che così sento meno la mancanza Sua e delle persone che amo troppo lontane da me.

Una visione questa, senza nulla togliere alla bella Valsesia non così distante, meravigliosamente verdeggiante ma che offre tuttavia una visione non totale del nostro Monte Rosa. Arrivano poi i primi freddi allora meglio rifugiarsi su una incantevole terrazza cittadina all’ottavo piano per godere di una cornice incantevole su tutta Vercelli con lo sfondo delle nostre amate montagne.

Da lì si può contemplare il paesaggio circostante fino alle ultime luci del Sole che bacia le vette con la Sua luce infuocata, un bel punto di partenza per pensare ad un viaggio bellissimo, non solo con il pensiero e il romanticismo ma con la speranza di raggiungere nuovamente il prima possibile i nostri luoghi e i nostri cari, tutto ciò che è conservato preziosamente all’interno del proprio cuore. 

 

Commenti al racconto

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.