Uno studente negli Usa: due giorni a New York

di Alessandro Ambrosi – 
Nell’estate 2016 sono riuscito a realizzare un sogno che avevo sin da bambino: fare un viaggio negli Stati Uniti. Essendo uno studente ho dovuto fare attenzione a ogni piccola spesa, e per spendere meno possibile ho cercato di pianificare il viaggio nei minimi dettagli. Così, dopo alcune piccole difficoltà burocratiche sui documenti necessari per poter affrontare il viaggio, ho organizzato un tour con un paio di amici, e abbiamo fatto in modo di vedere alcune delle nostre città preferite, ma quella che mi è piaciuta di più è stata la prima che abbiamo visitato: New York City! Fin da bambino ho sempre sognato di vedere queste città piene di altissimi grattacieli, e dove meglio di New York potevo realizzare questo mio desiderio.

Ovviamente l’influenza di film e serie tv è stata molto forte: quand’ero bambino mia mamma mi faceva vedere film come Colazione da Tiffany o Ghost, con mio papà guardavo i vari Taxi driver o C’era una volta in America, o quello che più piaceva a me: Ghostbusters! Poi crescendo ho cominciato a guardare i film di Woody Allen, American Psyco o ancora altri come Gangs of New York. Per non parlare di Friends!
Dopo un’infanzia così è ovvio che viene voglia di andare a visitare New York, così non appena sono riuscito a mettere assieme abbastanza soldi per il viaggio ho deciso di partire.

L’aereo per gli Stati Uniti arrivava al JFK di New York in tarda mattinata. Appena arrivati a New York siamo corsi in albergo a lasciare le valigie e con l’intento di vedere più cose possibili, anche se il lungo viaggio in aereo mi aveva provato, sono uscito con gli amici ad assaporare l’atmosfera della “grande mela”.
Avevamo programmato di restare a New York solamente due giorni, quindi per goderci appieno l’esperienza dovevamo sfruttare ogni minuto a disposizione.
Il nostro ostello era nell’ottantottesima strada, e dovevamo arrivare alla quarantaduesima. Fortunatamente con la metropolitana ci abbiamo messo all’incirca una ventina di minuti, obiettivo: Time Square.

Il primo impatto è stato scioccante. Con tutte quelle persone che si muovono all’unisono allo scattare dei semafori ho avuto davvero la sensazione di essere una formichina. Il primo obiettivo era Time Square. Appena arrivati eravamo davvero elettrizzati. La stanchezza era come scomparsa. Time Square è davvero fantastica, l’atmosfera è davvero unica, indescrivibile. Tutte quelle luci, la polizia di New York, un mare di persone, sembrava davvero di essere in un film. Abbiamo girato liberamente lì attorno con gli occhi rivolti verso l’alto e la bocca aperta.
La sera è arrivata prestissimo. Dopo un hamburger con le patatine in uno di quei locali tipici da film, per immergerci appieno nella cultura americana, abbiamo fatto quattro passi per la città e siamo andati a dormire.

Il giorno seguente sveglia presto, colazione veloce e direzione Rockefeller Center.
Durante il tragitto per raggiungere la cima ricordo che c’erano moltissime informazioni del tipo quante persone ci sono volute per costruirlo, quanti servizi igienici ci sono o quanto tempo ci è voluto per costruirlo. Tutte queste informazioni sono svanite dalla mia memoria una volta arrivato in cima. Da li c’è davvero una vista pazzesca!
In un viaggio a New York è assolutamente necessario andare a vedere la città dall’alto di un grattacielo, e devo dire che la vista dal Rockefeller Center è davvero fantastica.



Lasciato il Rockefeller Center abbiamo fatto un giro per le strade tanto per goderci un po’ la città. Per pranzo abbiamo deciso così di mangiare un hot dog in uno di quei tipici chioschi al bordo della strada.

Dopo di che il programma prevedeva Central Park. Abbiamo deciso di noleggiare una bici e farci un giro all’interno del parco. Mi sono fermato a leggere tutte le targhette che ho visto sulle panchine. Credo che siamo rimasti all’interno del parco per almeno tre o quattro ore, finché non abbiamo deciso di lasciare le bici e di continuare con il nostro tour, anche se avrei potuto restare lì per sempre.

La tappa seguente è stata il ponte di Brooklyn. Da lì abbiamo visto un tramonto mozzafiato. Nonostante non ci avessimo nemmeno pensato a vedere il tramonto da lì e che eravamo in ritardo sulla tabella di marcia, ripensandoci quel ritardo è stata una fortuna. Dal ponte di Brooklyn la vista è stupenda e il tramonto è stato la ciliegina sulla torta.

Al calare della sera eravamo affamatissimi e siamo andati in un locale a mangiare un boccone. Abbiamo deciso di prendere un cesto di ali di pollo fritte con le patatine in un locale a una ventina di minuti a piedi da Time Square. Avevamo progettato di fare ancora un giro dopo la cena in qualche locale, ma le ali di pollo fritte ci hanno dato il colpo di grazia, e dopo aver camminato per mezz’ora abbiamo deciso di andare a dormire.

Appena tornati in albergo abbiamo dovuto fare le valigie per essere subito pronti il giorno dopo per andare a prendere l’aereo per Chicago e continuare il viaggio.
Il viaggio è poi continuato a Washington, Philadelphia per poi passare alla costa ovest.
Questo viaggio anche se mi è costato molti sacrifici ne è sicuramente valso la pena e non appena ne avrò la possibilità tornerò a New York, che fra tutte le città che ho visto è sicuramente la mia preferita.

L’obiettivo prima del viaggio era vedere più cose possibili e avevamo pianificato tutto nei minimi dettagli cercando di accontentare tutti. Alla fine siamo rimasti a New York solamente due giorni, ma mi sono bastati per innamorarmi della città.

Per poter realizzare questo desiderio come tutti i turisti ho dovuto ottenere un’ESTA prima di partire, e viste le difficoltà avute per capire cos’è e come ottenerlo ho deciso di creare un sito informativo per aiutare le persone che vogliono fare un viaggio negli Stati uniti.
Se avete bisogno di informazioni su come ottenere un’autorizzazione al viaggio senza visto potete visitare il sito che ho creato sull’ESTA per gli Stati Uniti, contenente moltissime informazioni su come ottenerla, cosa vi serve per poterla richiedere, cosa consente e moltissime risposte alle domande più frequenti.

 

Il Viaggio Fai da Te – Hotel consigliati negli Stati Uniti 
Autonoleggio – Noleggio Auto Low Cost in Usa 
Acquista guide turistiche a prezzi scontati su Amazon.it

Commenti al racconto

avatar

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.