Tutti gli articoli con il tag Francesca Pierantoni

Thailandia Foto MarkosIt

di Francesca Pierantoni
Bangkok giorno 1.
Appena aperte le sliding doors dell’aeroporto sono stata inglobata da un blob di smog e caos primordiale. Ho dormito 2 ore negli ultimi due giorni, e questo non aiuta a sopportare il clima. Caldo come a Bologna quando si sta malissimo moltiplicato per 4, però umido…. ma umido davvero.
Budda è bellissimo. Ma forse io sono induista. Sto cercando di capire.
Bangkok ha dimensioni che un cervello europeo non può comprendere. Tipo che per portarti “a un albergo vicino” ci vuole un’ora. In più, i taxisti sono rinunciatari. Se non sanno dove ti devono portare ti scaricano in mezzo alle puzze della strada.

Leggi tutto

di Francesca Pierantoni
Giorno 1
Arcobaleni
Il mio zaino è azzurro. Quello di Cristina è verde. Io sorrido alla hostess di Iberia che porta un rossetto con lo stesso punto di rosso della bandiera spagnola. Fuori dal finestrino tondo brilla il giallo del sole di Madrid. Il mignolo del mio piede sinistro continua ad essere viola, dopo che me lo sono sfranto contro il frigo a due giorni dalla partenza (infatti ho addosso le Ipanema nere, le Reebok bianche non riesco ancora a metterle. Troppo male). I nostri blues, le piccole o grandi malinconie ci pesano come zavorre. Per questo siamo partite. Per svuotare gli zaini da tutto ciò che non seve più. Per cercare una trasparenza.

Leggi tutto
New York - Foto Francesca Pierantoni

di Francesca Pierantoni
Giorno 1: Milano – Düsseldorf – New York Gli Stati Uniti, si sa, hanno una politica di controllo immigrazione ferrea. Per entrare negli USA non si transige. Devi mettere le crocette. Ti danno un modulo dove sottoscrivi che sei sano di mente. Che non ti droghi. Che non sei mai stato comunista. Che non nutri sentimenti antiamericani. E che non stai pianificando attacchi terroristici. Ora. Come io ho mentito sulla cosa dei comunisti, chi mi dice che il tipo seduto nel sedile dietro non pianifichi attacchi terroristici? Gli americani non se lo pongono. Se metti la crocetta si fidano. Che teneroni.

Leggi tutto
Foto di Francesca Pierantoni

di Francesca Pierantoni
Giorno 1: la città con mille nomi
Atterri ad Edimburgo e scopri che nessuno dice Edinburgh. No. La gente si divide tra chi dice Edingboro e chi dice Edingbor. E guai a contraddirli. È come sputare sul loro kilt. Come disseppellire il nonno e ballare con le spoglie. Quindi quando senti dire che stai a…
Edingbro non ti fai più domande.
Lasci le valigie in albergo e scendi nel gelo artico e la città improvvisamente cambia nome in Edinbrrrr.
Sali al castello e ti entra il demonio sotto forma di vento malefico tra il collo e il cappuccio e la città diventa Edingbrufen.

Leggi tutto
Istanbul - Foto Markos.it

di Francesca Pierantoni
Giorno 1: Bologna – Istanbul
C’è un attimo preciso in cui la libertà diventa una sensazione fisica. Quando sulla pista di decollo la velocità dell’aereo si fa insostenibile e l’unica possibilità che rimane è lo spiccare il volo.
È in quell’istante che il tuo corpo si tende e salta.
Non importa se sei legato al sedile. Salti anche tu. …
Salti dentro. E sei libero.
Bene, biondino riccetto con chitarra come bagaglio a mano che mi hai guardato tutto il volo.
Ora scendiamo insieme e iniziamo una storia travol…. guardavi il tuo amico seduto dietro di me.
Ok. 1 – 0 per il destino beffardo.

Leggi tutto
Viaggio in India del Nord - I ghat di Varanasi la città sacra

di Francesca Pierantoni

Giorno 1: Bologna – Munich – New Delhi
Questa notte non ho dormito granché. Il caldo, questioni di pipí di cani e di gatti, l’agitazione hanno frammentato il sonno e scompigliato i pensieri. Pezzi di questi pensieri erano rivolti alla leggera e sana paurina che ti prende prima di affrontare un viaggio come questo. Sola. Randagia. Senza bagaglio. Poi, sul tapis roulant dell’aeroporto di Monaco di Baviera mi ritrovo a sorridere sentendo di nuovo sotto le unghie quella scossa di libertà assoluta che ormai conosco bene.

E se prima di partire non dormo, se ora mi ciondola la testa tra la scritta Luft e la scritta hansa del poggiatesta va bene così.

Leggi tutto